L’importanza di essere Ernesto

Facciamo un po’ d’ordine. Intanto, vi annuncio che Avalon ha deliziosamente provveduto a fornirci di un blog: questo qua. Grazie!!!
Prima di utilizzarlo, però (e anche in previsione di un viaggetto che dovrei riuscire a fare, anche se più piccolo di quello, temo impossibile, per Parigi), provo a riassumere quello che ci siamo detti fin qui.
L’idea: ambientare ai giorni nostri, e nei giorni della Grande Crisi Economica, una storia di vampiri.
I vampiri: sono due. Ernesto è il più giovane. Guglielmo, il vampirizzatore, il più antico.

Ernesto.

Cosa fa: Gioca in Borsa. Grazie a Internet, può farlo  come e quando vuole, senza vincolo di orari.
Età. Giovane, e vampirizzato di recente.
Proposta di Mele: anni Settanta. Proposta di Lara: nel bel mezzo della “grande bolla” del Duemila, con la new economy che va a manetta.
Perchè giovane. Analisi di Laurie: Un vampiro vecchio mi sembra troppo “superstizioso” per fare una cosa del genere, e anche troppo poco umano: ho questa idea che più un vampiro invecchia più si allontana dalla condizione umana. Inoltre un uomo di una volta vampirizzato ha tutta una sua concezione del vampirismo come qualcosa di malvagio, crudele, ecc. ecc. si vede più come nemico dell’umanità e come anticristo che altro.
Invece uno nato negli anni novanta ha tutt’altra idea. Il vampirismo comincia a diventare qualcosa di figo. Ricordate la frase di quel film sui vampiri, mi sembra uno con Bowie: “Dormi tutto il giorno. Impazzi la notte. Non invecchi mai. Non muori mai. Bella cosa essere vampiro oggi.” Ecco, il nostro Ernesto la vede più o meno così xD
Ora, hai a disposizione tutta l’eternità e hai facoltà superiori a quelle umane, dopo lo shock iniziale una persona moderna si guarderebbe attorna e comincerebbe a pensare che può fare molte grandi cose. Ed ecco che il nostro Ernesto gioca in Borsa alla grande. Magari sceglie questo proprio perché nella sua vita umana era nell’ambiente o cose simili.

Domande (di Yoda) : Cosa lo spinge? Il solo profitto? Si diverte (credo di sì; in borsa si può giocare, può essere un gioco d’azzardo, gratificante sotto vari aspetti)? Cos’ha combinato nel passato? Ha delle regole? Sì? No? Quali? Preferisce caos od ordine? Come giudica ciò che lo circonda rispetto a quel che ha vissuto nel passato?

Motivazioni (proposta di Mele): Perché è spinto al profitto. Ideologia, principalmente. Anni 60-70, boom economico, e i suoi hanno fatto soldi. Lui ha sempre lavorato per suo padre senza ovviamente essere pagato, non ha finito le superiori anche se ha fatto qualche primo anno qua e là. Si vuole mantenere da solo. Durante la leva gli mandava dei soldi la sua fidanzata (che aveva 4 anni in più di lui, e lavorava già come impiegata per un’industria tessile), mentre i suoi (a suo parere “pur di non dovergli mandare qualcosa” ), neanche gli scrivevano.

Rapporti con la politica.
Proposta di Mele: vampiro di destra.
Proposta di Yoda: Se l’interesse economico è importante, il rapporto con la politica sarà colloquiale, e mai troppo conflittuale. Non esclude idee proprie, ovviamente, ma non può precludere di “fare affari” con tutte le parti in causa. Buoni agganci politici sono troppo importanti per “bruciarseli” se una tornata elettorale va storta.
Inoltre una creatura immortale non si occupa né si preoccupa di molte cose di cui si occupano e preoccupano i comuni mortali. Perciò sì, ce lo vedo anch’io più in un rapporto utilitaristico, che ammette idee proprie ma senza che ciò la caratterizzi troppo.
Buoni agganci sono utili per procurarsi informazioni e usufruire delle cosiddette “asimmetrie informative”

Guglielmo.
E’ il vampirizzatore di Ernesto.

Agisce a Genova agli inizi del Quattrocento. Non a caso. Come ricorda Luthien, la prima banca fu nel 1406 il banco di San Giorgio a Genova…
E’ un Fieschi, come ci racconta Laurie:  I miei cari conti di Lavagna. Tra l’altro la loro fortuna è basata proprio sulla mercanzia e la finanza, direi che vanno più che bene!  Nel Quattrocerto i Fieschi combattevano contro gli Sforza, poi sono stati cacciati dai loro possedimenti in Liguria perché appoggivano la Francia. Successivamente sono riusciti a rientrare ma la loro fortuna era ormai calata. Scompariranno quasi del tutto dopo la congiura di Gian Luigi “Il giovane”. Direi che possiamo mettere il viaggio di Guglielmo, cadetto dei Fieschi, al tempo della cacciata della sua famiglia dalla zona. Per ripararsi Guglielmo raggiunge Venezia e lì… sarà vampirizzato.

Cosa succede intanto a Venezia? Da Luthien:  il nostro Guglielmo potrebbe essere un esule genovese durante il periodo in cui Genova fu sottoposta al dominio delle Signorie Milanesi, Visconti(1421) e Sforza(1463 e 1488)…e potrebbe essersi rifugiato nella nemica di sempre, Venezia, che in quegli anni allargava il suo dominio nell’entroterra padano e consolidava i suoi mercati orientali…

Il trasferimento, come suggerisce Blackvirgo, avviene a piedi.non mi dispiacerebbe esplorare le vecchie vie di comunicazione (strade, mulattiere, ecc ecc) e trovare un buon posticino perchè venga vampirizzato…

Da chi? Per Mele, da un vampiro mezzo moro mezzo bizantino.

A Venezia si occupa di libri. Luthien: nel 1468, “apre” una delle più antiche biblioteche italiane, La biblioteca Marciana di Venezia,che era anche sede di restauro…ovviamente di libri antichi ed incunaboli, a voi la scelta del vampirizzatore di Guglielmo, che se ne arriva esule da Genova a causa degli Sforza…

Proprio nella sua bottega di restauratore (proposta di Lara) arriva ai nostri giorni Ernesto, in cerca di un regalo prezioso per uno dei suoi clienti o committenti. E Guglielmo, conoscendolo, intuisce un’affinità che lo porterà a renderlo suo simile.

Mi pare di aver riassunto tutto. Secondo me, dovremmo concentrarci ancora un po’ su Ernesto.
Ovvero: qual era esattamente la sua attività prima della vampirizzazione. Quale il suo carattere, la famiglia di origine, le relazioni sentimentali e no.
Com’è fisicamente.
Come reagisce alla vampirizzazione.

Ecco.

Aggiungo qualche nota bibliografica o link o altro emersi nei commenti.
Libri: Il banchiere anarchico, Fernando Pessoa, ed. Guanda.

La storia delle borse: http://www.liceoquadri.it/borsa/storia_borsa.htm

Asimmetria informativa. Aneddoto di Yoda.
Borsa d’Inghilterra. Una battaglia molto importante (non mi ricordo proprio la collocazione temporale, ahime). La vittoria o la sconfitta potrebbero segnare la sorte del regno.
C’era un industriale molto ricco e molto potente e dotato di mezzi (corrieri? Altro? bho) che gli avrebbero permesso di sapere l’esito della battaglia prima di chiunque altro. Gli operatori lo sapevano. Ha addosso gli occhi di tutta la Borsa. Quando saprà, cosa farà? Venderà? Comprerà? Cosa? Cosa?
L’industriale comincia a vendere alla disperata il suo patrimonio azionario! Dunque, la battaglia è perduta. Il panico dilaga. Tutti si affrettano a vendere. L’industriale butta sul mercato gran parte del suo stesso patrimonio azionario. Vendere, vendere diventa l’imperativo. Il valore di tutte le azioni crollano. All’improvviso, acquisti come se diluviasse. Ma chi è che compra? Chi mai sono quei matti?
Prestanomi dell’industriale stesso, ovvio, che si ricompra con la liquidità sia il patrimonio suo che (soprattutto) quello altrui per un’inezia …
E arriva quindi la notizia che la battaglia è stata vinta …
Ecco un esempio di asimmetria informativa e un buon modo per adoperarla
Ce lo vedo, il nostro vampiro, a giocare in questo modo.

Annunci

Tag: , , ,

11 Risposte to “L’importanza di essere Ernesto”

  1. Laurie Says:

    Oh ecco ora capisco che il vampiro mezzo moro era il vampirizzatore di Guglielmo. Non l’avevo capito. In sti giorni non ci sto con l’attenzione, bene che c’è il riassunto.
    E brava Avalon che ha aperto il blog: come lo usiamo? Magari mettiamo un riepilogo di quanto detto fin’ora sulla falsariga di questo?
    Passando a Ernesto: Abita nel Veneto, diciamo Venezia o dintorni? (Mestre, Chioggia, ecc.)
    Io lo vedo bene anche lui nel commercio, solo che non è in grande scala. Solo con la vampirizzazione si decide a giocare in borsa. Con quali soldi? Oh be’, questo è un bel problema.
    Lo vedo come un tipo agiato, ma rimarrà in famiglia dopo la vampirizzazione? Non credo da quel che dice Mele. Starà con Guglielmo. Guglielmo però non lo vedo molto contento del fatto che Ernesto giochi in borsa: lui è un vampiro all’antica, ama i libri ed è contento di andare avanti così.

  2. Laurie Says:

    Dimenticavo: un pochino di pagine filiscane per il background di Guglielmo.
    Wiki: http://it.wikipedia.org/wiki/Fieschi
    Il declino dei Fieschi: http://www.frillieditori.com/books/fieschi_primo.htm
    Pagine filiscane in Valdaveto (non c’è molto, ahimè ç_ç): http://www.valdaveto.net/documento_684.html
    Non c’è moltissimo in rete, sopratutto ci sono notizie sulla congiura dei Fieschi che avverrà nella prima metà del XVI secolo.

  3. Blackvirgo Says:

    Grazie per il riassunto!
    Mi attacco al post di Laurie: era questo che intendevo con conflitto generazionale fra immortali! Vampiro all’antica vs vampiro moderno…
    Per il viaggio via terra: devo riguardarmi le cartine del tempo, ma è fattibile evitando il più possibile i territori Milanesi. Basta valicare gli Appennini, cosa non facilissima ai tempi, credo. Io avrei ambientato in quella zona la vampirizzazione, prima del suo arrivo a Venezia, ma qui il vampiro mezzo bizantino non so come infilarcelo… e se venisse vampirizzato a Genova dal Guglikun mercante che gli ammazza pure il resto della famiglia… così fornisce un pretesto in più per farlo scappare: lo accusano di omicidio. Così Guglielmo fugge per vie impervie…

  4. Mele Says:

    Mele Dice:
    Ottobre 14, 2008 alle 3:48 pm

    ( … )Quindi sarebbe un vampiro coi capelli lunghi, biondi e i boccoli, gli occhi un po’ a mandorla color jeans vecchio, le labbra carnose, l’espressione maliziosa…
    ( … )

    Io rimango ancora di quest’idea, ma perchè ho un debole per i biondi e i boccoli…

    (Sarebbe però interessante un bel rosso carota tipo antinebbia, occhi cucciolosi e castani e lentiggini sul naso. )
    (Sì, ok, ho anche un debole per i capelli rossi, mi spiace.)

    Per il lavoro… mi piaceva qualcosa di manuale (Eeh… chi non ha mai spiato dalla finestra i bei maschioni al lavoro sul tetto del vicino… Quelli sì che sono fisici da vampiro… ), però non centra molto con i libri.

    (Però non buttare il il “di destra”, perchè io avevo proposto contrario all’economia puramente finanziaria, ricordi?)

    Il vampiro mezzo moro mezzo bizantino: si parla dei due poli del commercio italiano, un meticcio è la prima cosa che ci scappa, in genere, no? (Eh, no.)
    Il bizantino mi piaceva per l’aria greca da intellettuale, tutto lì… e anche il moro, cioè: cosa c’è di più allettante per un ragazzo con velleità di studioso di uno che ti cita Averroè a memoria, e sa il greco?
    Dai, lo sanno tutti che una volta attiravano i ragazzini facendo leggere loro poesie più o meno autografe (Sepùlveda docet) …

    Allora, abbiamo il macho (Ernesto), il “parigino” (Gugli), e … non manca la femme?
    Magari (seguo sempre la mia ipotesi di morte), la figlia (avuta da un altro) della ex fidanzata di Erni…
    Che magari è un perito informatico (la scena: una poveretta si ritrova a lavorare con un tizio lugubre che le svolazza dietro le spalle…).

    Ma sto complicando la trama.

  5. Mele Says:

    Ah, ho dimenticato una cosa: come reagisce alla vampirizzazione.
    Per me, all’inizio si incazza come una bestia, soprattutto per il motivo (-La chiami affinità?! Pervertito!-, m’immagino dica al caro Gu). Poi, siccome non è uno che si dà per vinto, si rimbocca le maniche e sfrutta al meglio la situazione (tipico piglio imprenditoriale, eh).

    Ma possiamo usarlo, allora, il blog? (Larularularucchan, dovresti iniziare tu!)

  6. laramanni Says:

    Mi piace tutto! xDDD
    Dalla prima all’ultima ipotesi!
    Io direi questo: continuiamo ad elencare argomenti qui, per ora. Poi, quando abbiamo tracciato un profilo che ci sembra esauriente almeno di Ernesto e Guglielmo e del vampirizzatore bizantino (nome?), nonchè dell’ex fidanzata (sì, una donna ci vuole) o di altri personaggi, trasferiamo sul blog.
    Passo successivo: si comincia a scrivere…

  7. avalon9 Says:

    Mi piace, mi piace quest’immagine di Ernesto!
    E soprattutto mi incanta il vampirizzatore bizantino. Un bel vampiro colto, amante del greco (va bene! Sono di parte!). Me lo sono visto, nascosto in qualche monsatero decaduto delle Meteore. Sì sì.
    Per il nome…Visto che è un vampiro, visto che è bizantino (greco, quindi)…Io proporrei (ma badate: solo proposta) il nome Filostrato, nome grecissimo e che, per di più, appartiene al primo autore che tracciò una storia di vampiri nelle letteratura (escludiamo aneddoti ed elementi folklorici di varie Lilith, Lamie e Sirene, ben inteso).

    [Visto, Lara? Primi passettini. Per un po’ saltellanti, poi spero con maggior continuità^^]

  8. ross Says:

    mi piace come idea *-*

  9. laramanni Says:

    Filostrato MI PIACE! Certo che deve amare il greco, e infilare qualche bella citazione qua e là!
    Ross, TI VOGLIO!

  10. Luthien Says:

    Intanto mille grazie ad Avalon per il blog apposito…
    Questo Filostrato…
    Vado sul blog

  11. Laurie Says:

    Ah, io già avevo pensato una vampirizzazione diversa: allora il nostro Guglielmo va’ nei feudi della sua famiglia a Lavagna su incarico del capo famiglia per controllare il commercio di ardesia, allora redditizio nella zona. Lì conosce Filostrato che è un viaggiatore del mercantile. Mentre soggiorna nel feudo arriva la notizia della cacciata dei Fieschi da Genova. C’è una sommossa anche nel feudo. Guglielmo decide di scappare e viene aiutato da Filostrato che però… lo vampirizza x°D Insieme (o forse no) Guglielmo raggiunge poi Venezia le vie appennine.
    Troppo arzigogolato?
    Anche la proposta di Blackvirgo non è male, lasciamo Gugli a Genova poi decide di scappare con la sommossa e magari spostiamo la vampirizzazione a Venezia? Perché un mezzo moro a Venezia lo vedo meglio, non so perché xD Ma perché Gugli vuole raggiungere Venezia, a proposito? xD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: