Il Nobel a Death Note!

Fermo restando che mi è venuta un’idea che SPERO sia buona per risolvere l’empasse delle prime cinque righe, ieri sera ero abbastanza soddisfatta del lavoro su Esbat. E mi sono premiata.
Rivelazione: il bicchiere di champagne che la Sensei si concede non è soltanto un omaggio a Misery. E’ una MIA abitudine: se le cose vanno bene, mi regalo un buon vino bianco. Al Veuve Clicquot arrivo soltanto in casi eccezionali e con finanze molto più floride delle attuali: un Traminer va benissimo.
Ma ieri sera mi sono premiata anche in un altro modo: con notevole ritardo, sono riuscita a trovare il dodicesimo e ultimo volume di Death Note.
Beh, sono senza parole.
La signora o signorina Tsugumi Ohba, l’autrice della sceneggiatura, è un genio. Non so se sia davvero chi dice di essere, non so se collezioni davvero tazze da tè e se scriva appollaiata sulla sedia come Elle (ehm…anch’io ho questa abitudine veramente…). Ma è un genio.
Provo a dire perchè.
La complessità, intanto. Death note è la storia più complessa che abbia mai letto, tanto da obbligarti alla rilettura (cosa che si fa con enorme piacere): tocca livelli da far sembrare Il nome della rosa un romanzo di Valentina Effe. Non parlo di qualità di scrittura, ma proprio di intreccio e di meccanismo. Ad ogni passo avanti la storia si ingarbuglia, in un gioco al rialzo impressionante. E ogni volta torna. E torna BENE.
Poi.
L’abilità nel cogliere le tematiche contemporanee: la paura della criminalità. La rabbia. Il sistema scolastico giapponese, per inciso.
Il richiamo alle grandi questioni filosofiche: vita e morte, e va bene. Ma l’etica! Il tema, enorme, della giustizia, tra l’altro riassunto benissimo anche nel dialogone Light/Near di quest’ultimo volume.
E poi…poi la capacità di sporgersi FINO AL LIMITE.
Provo a non spoilerare. Nello scontro finale si poteva rischiare il ridicolo, con la moltiplicazione dei quaderni. Un lato di me, mentre leggeva, vedeva entrare in scena la Premiata Ditta che cantava “Aggiungi un morto a tavola, che c’è un quaderno in più”, o il cast di Scary Movie vestito da gladiatori che agitava quaderni neri dicendo: “Il Death note è mio”. “E’ mio”. “E’ mio”…eccetera.
Eppure, Ohba ha costeggiato l’assurdo senza caderci dentro.
E le due frasi finali (le due regole del quaderno) che appaiono a conclusione e dopo l’epilogo…beh…sono semplicissime ma perfette.
Accendo un cero a qualche santo (si accettano consigli su quale) per chiedergli di imparare a scrivere come lei.

Annunci

Tag: , , , , ,

12 Risposte to “Il Nobel a Death Note!”

  1. Totosai Says:

    Devo decidermi a passare a saccheggiare la fumetteria… Death note mi è sfuggito in buona parte (sono un pigro patentato).

    Per il santo, consiglio San Benedetto da Norcia.
    Funziona e patroneggia gente per bene.
    Altrimenti San Gerolamo se vuoi spingere per l’internazionalizzazione del tuo libro………
    :-p

    ciao

  2. laramanni Says:

    Prendo San Benedetto (è quello della rondine sotto il tetto?). Anche se non so se posso rientrare nella categoria di gente per bene, in effetti! Ma ci provo, ci provo!
    xD
    CORRI IN FUMETTERIA. Death Note è un capolavoro.

  3. l3la Says:

    Accidenti, devo decidermi a comprarlo anche io..
    Già l’anime mi sta stregando, e mi dicono tutti che il manga è persino migliore, ma dopo questa recensione così entusiasta devo averlo! 😀

  4. laramanni Says:

    Ho visto ieri la quarta puntata dell’anime. Beh, secondo me si perde, per quanto sia ben fatto, la potenza narrativa del manga….Vola! xD

  5. Totosai Says:

    bene, visto che l’anime me lo perdo di sicuro (figurati se mi ricordo di guardarlo… magari potrei ricordarmi di puntare il registratore… forse…), passerò in fumetteria (entro il 2103).

    San Benedetto è il patrono degli ingegneri… ti affidi in buone mani.
    Magari non ti fa un miracolo ma un ponte…non te lo nega di sicuro.

  6. laramanni Says:

    Ma…ma…Un ponte?
    Ho capito: per buttarmi dal medesimo quando avrò definitivamente deciso che sono una scrittrice disastrosa. xDDD

    E passa in questa benedetta fumetteria (o leggiti le scan in rete…)

  7. Luthien Says:

    Ehm
    Il santo prottettore degli scrittori è San Giovanni Evangelista, mmm ci sta pure una bella chiesa dedicata a lui a Roma, ma alcuni agiografi dicono che anche San Cassiano abbia fatto la sua parte…
    😀

  8. Lara Manni Says:

    San Benedetto non si offenderà se passo a San Giovanni, vero??? xD

  9. Skeight Says:

    Io ho già recensito Death Note sul mio blog, ma qua mi limito a ripetere un concetto: siamo tutti d’accordo che è un capolavoro, e che l’autrice è stata abilissima nel costruire una trama ardita e comunque equilibrata. Ma ricordiamo che Death Note è pura narrativa: tute le etematiche toccate nella storia (dalla liceità della pena di morte alle storture sociali) sono solo il pretesto ipersemplificato per raccontare uno scontro tra titani, Raito ed Elle.

  10. Lara Manni Says:

    Oh assolutamente d’accordo! Ma costruire uno scontro di quel genere, e dar vita a due personaggi di quel calibro…accidenti. AVERCENE!

  11. Laurie Says:

    Ed è una shounenjumpata, santo cielo, è una shounengjumpata! Sta in mezzo a roba francamente noiosa come Bleach e Naruto ç_ç Lode a Ohba, sì, non importa se sia uomo o donna.
    Certo, ha i suoi difetti: 1) è su shounen jump, qualche fanservice c’è 2) la misoginia! Ne stavo giusto parlando sul forum di quanto siano squallidi i personaggi femminili.
    Ecco, una cosa che mi piace di DN è che sul tema giustizia dà domande e molte risposte, ma l’autore non ti forza su una sola risposta. Mi piace, ecco *_*

  12. Lara Manni Says:

    La misoginia, infatti: riprendo l’argomento in un post. Mi colpisce moltissimo che…SPOILER!!!!!!!!!!!
    …che l’unica che sopravvive sia una scema totale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: