Nomination

Ieri sera, un’amica acutissima e deliziosa mi scrive una lunga mail sul capitolo secondo. E mi chiede: ma tu i nomi li scegli a tavolino?
Bella domanda: la risposta è immediata. No. Li scelgo per il suono.
Perchè dare i nomi ai personaggi, per me, è complicatissimo. Primo: non devono essere troppo ricercati (a mio parere). Non riuscirei a chiamare nessuno Gianandrea o Atalìa. Secondo: devono essere comuni ma non banalissimi. Mario e Maria, per dire, non mi convincono. Terzo: devono adattarsi al personaggio. Stargli bene addosso. Insomma, se io avessi un figlio, aspetterei di vederlo in faccia prima di capire se il nome che ho in testa è giusto per lui. Con i personaggi è più facile, perchè li vedo, anche se solo nella mia testa.
Però. Però poi scopro che i significati dei nomi sono perfetti per la storia del personaggio stesso: ma io non ci avevo affatto pensato, questo è il bello.
E scopro anche che ho rubato molto: senza ricordarlo, ho chiamato Davide un personaggio che nella mia testa è basso,  e io conosco dei Davide bassi.
Ma questo è già normale: chi scrive è un ladro, no?

Annunci

Tag: ,

10 Risposte to “Nomination”

  1. Caska Says:

    Io non parlo, nella mia testa c’è un meccanismo che cerca automaticamente nomi esotici per le ragazze e nomi che iniziano per A per i ragazzi…XDD

  2. Chiara Says:

    Concordo sulla scelta dei nomi, per me funziona nello stesso modo! 🙂

  3. Lara Manni Says:

    Caska, si sdrai sul lettino e ci dica qual è il suo rapporto con la lettera A.
    🙂

  4. Caska Says:

    Non ne ho la minima idea….xDDD me ne sono accorta di recente, non ci avevo fatto caso xD

  5. Teiresias Says:

    Dipende, se posso io cerco nomi che abbiano attinenza con i personaggi…altrimenti ci do a caso o assonanza XD

  6. Laurie Says:

    Io sarei la moglie picchiata.
    xD

    P.S. Perdona questa Somma se non ha ancora lasciato il commento al secondo ç_ç altro che mail, qui arranco a scrivere dieci righe decenti ç__ç

  7. Lara Manni Says:

    Assonanza anche per me, Teiresias. 🙂
    Laurie, ma no! Cioè sì, ma Laura è solo il primo nome…la poverina ne ha tre e i tre formano un acronimo. Quindi doveva essere un nome che cominciava per “La” e, sorry, mi è venuto in mente Laura 🙂
    Ps. Ma tranquilla! La storia sta là e non scappa. Un bacio.

  8. Laurie Says:

    Ma mica mi sono offesa, Larù. Anzi. La mia autostima ha guadagnato +1000 punti.
    “Figo! Un pg di un libro ha il mio nome!”
    Come la Laura in American Gods xD
    E comunque mi hai dato uno spoiler *asd*
    (Mi mancano le chattate che ci facevamo dopo i capitoli. Che peccato che su EFP non si possa rispondere alle recensioni ç_ç)

  9. avalon9 Says:

    Ahi, i nomi.
    Per me, sono un vero e proprio inferno. Condivido pienamente: non troppo ricercati nè troppo comuni e soprattutto adatti al personaggio. Nel senso: pensi al nome e ti viene in mente quella figura. Non intendo (ovvio) la figura fisica, ma il suo complesso.
    Quando ho dovuto scegliere il nome per Alessandra non ci ho nemmeno pensato (caso rarissimo!) e puff! mi è uscito così. Poi mi sono ricordata che significa “difensore degli uomini” e con Sesshomaru faceva un balletto interessante.
    Un’altra cosa che mi hanno fatto notare è che Alessandra non sta bene, come nome, vicino a Sesshomaru. Meglio – dicevano- un nome inglese o giapponese. Su una ragazza italiana.
    Ora. Per quanto adori i nomi giapponesi (quelli inglesi no; già sono ai ferri corti con la lingua, ma ormai sanno di abusato), credo che un minimo di coerenza ambientale anche (almeno) in ambito di ambientazione ci voglia. Se dico Giovanna, la ragazza sarà italiano; se dico Andreas sarà tedesca.
    Esistono nomi complessi, che si adattano un po’ ovunque, ricercati e che alla fine -sorpresa- scopri che sono abbastanza comuni. Ma questo è un altro discorso.
    Li scegli per il suono, dici.
    Allora, Lara, complimenti! Perchè credo che in te ci sia un po’ di quella magia degli aruspici che sceglievano il nome per i neonati nell’antichità. Ed è una dote interessante. Forse è (anche) per questo che i personaggi che crei non riescono mai a nascere piatti.

  10. Lara Manni Says:

    Lara aruspice? Oddea! 🙂
    Hai ragionissima sui nomi complessi: Matilde, o Caterina, che sembrano semplici ma hanno una storia dietro. E io, nonostante la primissima perplessità, sono ultraconvinta che Alessandra NON POSSA chiamarsi in un altro modo.
    (discorso diverso per i vari Dolly, Sarah etc., ovviamente!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: