La mia creatività

Beato Stephen King, perchè – fra le altre cose – identifica la propria creatività (la Musa, il talento ecc.ecc.) con un paio di omini in tuta da meccanico, che nel seminterrato si impegnano operosamente a fornirgli ispirazione.
La mia creatività somiglia a Magenta di Rocky Horror Picture Show, veste abitualmente una divisa da infermierina francese, se ne sta tutto il giorno a laccarsi le unghie e quando mi sembra di aver trovato una situazione particolarmente riuscita, mugugna “How sentimental!”, e mi gela.
Insomma, oggi sono andata a farle una visitina, nella stanza con tappezzerie damascate (copiata a Ligeia) dove risiede. Dormiva, la sciagurata. Sospetto che faccia uso di sostanza psicotrope, e che da un momento all’altro comincerà a canticchiare “Hare Khrisna, Hare Hare” come in Hair.
Le ho dato uno scossone.
Lei ha sbattuto le ciglia.
Io le ho detto: “Senti, bellezza, ho una domandina. Come mai, ultimamente, tutto quello che scrivo sembra aver perso in smalto, in forza, in scintillio? Funziona anche, ma manca qualcosa. Manca il nerbo. L’euforia. La consapevolezza di stare facendo qualcosa di bello. Che ti piglia?”.
Lei ha sbadigliato, mi ha chiesto un caffè, e poi ha detto.
“Tesoro, ricordi quel che successe a King prima del 2000? Beh, aveva perso smalto pure lui. Scriveva cose eccellenti, sempre, ma gli mancava qualcosa. Poi, ha avuto l’incidente: e dopo che il Minivan gli è finito addosso, ha ritrovato tutto. Ma dove vai?”
“A farmi investire da un Minivan, ovvio”.
“Ma no, cretinetta. Significa che hai bisogno, semplicemente, di sentirti bene. Innamorati. Fai un viaggio. Fai qualcosa. Vivi, insomma”.
E’ insopportabile.
Ma ha ragione.

Annunci

Tag: ,

20 Risposte to “La mia creatività”

  1. francescodimitri Says:

    Più che altro – stai cominciando a scrivere da professionista e il passaggio è difficile. Poi, vedrai, va meglio di prima.

  2. Lara Manni Says:

    Ecco, Francesco. Toccata! E’ proprio questo il punto di crisi, al momento: comincio ad acquisire “tecnica”, e prima non ne avevo assolutamente, e tutto si confonde. Ho l’impressione di non padroneggiare abbastanza la prima e di reprimere la materia grezza. E questo mi fa sentire male, a volte. Mi sembra che si sia “disseccato” tutto, anche se mi rendo conto, alla prova dei fatti, davanti al file word, che non è così.
    Davvero migliora?

  3. francescodimitri Says:

    Moltissimo. E poi, quando una certa fase l’hai superata, peggiora ancora, e di molto. E poi migliora di nuovo. Eccetera. Almeno, per me il processo non è mai finito…

  4. Lara Manni Says:

    E forse non deve finire, altrimenti ci si ferma. Credimi, ti sono grata, gratissima! Non sentirsi soli e sbagliati, in questi momenti, apre il cuore: stavo per mettermi davvero a cercare un minivan…

  5. caska Says:

    Sei in tempo epr venire a Tokyo con me! XD

  6. Lara Says:

    Non tentarmi…:)

  7. caska Says:

    xDDD Beh, guarda, consegnato il manoscritto io avrò bisogno di qualche giorno di ristoro ovunque, ma non in Italia…xD Magari a Londra *_*

  8. Rohchan Says:

    Non vivere in effetti è terrificante per qualcuno che scrive…
    come si fa a passare emozioni agli altri, se non si vive nulla? Se rimaniamo tutto il giorno chiusi in casa, a guardare il mondo che passa fuori dalla finestra?
    Non si può.
    Però lascia perdere i minivan, ok? Come facciamo se poi ti fai male? ç_ç

    Non avendo mai pubblicato nulla *davvero* non riesco a capire bene cosa intendiate con questa altalena di sensazioni…ma posso provare a ipotizzare che, per quanto uno cerchi di non farci caso, o non se ne renda proprio conto, forse una volta che si diventa scrittori *veri* si cerca di tirare fuori sempre il meglio, e si perde quella spontaneità che regala sensazioni nuove alle persone che leggono.
    Credo, eh…sono su un terreno che non mi appartiene del tutto…
    Può darsi che quello che chiamate smalto venga fuori quando la consapevolezza di ciò che siete sta dormendo…o è meno forte del solito…

    Caska, davvero vai in Giappone? *_* Io un giorno ci andrò.
    E poi andrò anche in Irlanda. E’ una VITA che sogno di andarci…

  9. Lara Says:

    Ecco, sì, è qualcosa di simile. Un’amica dice giustamente che all’inizio è come un torrente di fuoco: ma è quando ti succede la prima volta, e sei talmente euforico che potresti spaccare il mondo. Quando ho finito Esbat, e credimi non avevo assolutamente idea che potesse diventare un libro, ricordo che sono andata a piazza del Popolo a correre, proprio correre, e ridevo come una bambina.
    Non ho più riprovato quella sensazione. Soddisfazione, sì, consapevolezza, senza dubbio, incertezze, miliardi. Ma quel “puoi? posso” non l’ho più sentito in quel modo.
    Poi torna, ma in maniera leggermente diversa. E’ il punto di passaggio, infatti. Non meno bello, ma diverso. 🙂

  10. caska Says:

    Sono d’accordo con Rohchan, per me la cosa peggiore che può succedere a uno scrittore è smettere di vivere e osservare il mondo, perché poi finisce a girare attorno al proprio ombelico ò_o

    A proposito della musa, Lara, almeno la tua è antropomorfa, la mia è una scimmia!

    Rohchan sì, ci vado una volta all’anno, in attesa che si laurei il moroso per fermarmici xD

  11. Rohchan Says:

    A me è capitato con la stella cadente.
    In realtà non sono uscita a correre, ma ho pianto come una scema. Ci sono legata come a nessun’altra storia che ho mai scritto.^^

    Forse le persone devono accumulare un tot, come una batteria, prima di poter provare di nuovo quell’euforia, quel senso di pieno, di bello e buono. Di completo.
    Prima di riuscire a passare di nuovo quella strana elettricità alle persone che leggono…come un vaso che deve arrivare al colmo prima di poter versare il suo contenuto.
    Anche io scrivo ancora, eppure per quanto continuino a dirmi che sono brava, mi sembra sempre che qualcosa non vada. Ho cestinato non so quante storie, ultimamente, e non solo fanfictions, anche originali…sarà che, appunto, anche a me manca un po’ di vita. E di denaro per poterla vivere.

    Caska…ti sto invidiando da morire…ç_ç sia per il moroso, sia per il viaggio, sia per il coraggio…^^

  12. Caska Says:

    Io vorrei essere più continuativa (come Lara ben sà xD), ma alla fine mi sono abbastanza rassegnata all’idea che ho bisogno di lunghi periodi in cui fare la carica di stimoli, perché io O scrivo O faccio tutto il resto, le due cose contemporaneamente non ce la posso fare…xDD Vedo quando ha voglia la scimmia e via. Peccato che per i soldi, appunto, l’unica è lavorare, e fino al mese scorso ho lavorato otto ore al giorno, quindi francamente scrivere era diventata davvero davvero dura “XD …anche essere licenziati però lo è, mmmh.

    xD spero di riuscire a trascinarcelo xD Se proprio non riesco a portarlo così lontano lui opta per Londra, old fashoned…xD Anche perché deve fare il master…D: Continuerò ad andarci io per un mesetto all’anno e aspetterò…xD Comunque Tokyo è bellissima, ma molto fraintesa..xD

  13. Rohchan Says:

    Che intendi per fraintesa?

    Io ho un lavorettino part time in una panetteria come commessa. Ma purtroppo vivo in un paese che definire microscopico è fargli un complimento, e per giunta nemmeno nel paese…vivo fuori. Per vedere un po’ di gente devo farmi almeno 20 minuti di macchina…capirai che vita…
    A me, quando è periodo buono, l’ispirazione viene in qualsiasi momento…poi c’è la fase gestazione…mi ci vuole tempo a metterla su carta, subito non ci riesco. Il bello/brutto è che se mi prende a lavoro è come se cadessi in trance…a volte parlo anche da sola…^^
    Ah…e la musa si chiama Violino. Che poi è anche la mia vocina interna che mi fa fare un sacco di figuracce in giro…>.>

    Un mese all’anno a Tokyo…vado a ritirarmi in un angoletto a fare i cerchietti per terra…ç_ç chissà cosa non hai visto….T^T

  14. Caska Says:

    Ahah, per me è la stessa cosa, sono in un paesino con tremila anime e dieci gatti xDD
    E parlare di Tokyo è difficile, specie se conti che Lara mi ha chiesto una cosa e l’ho ammorbata con delle mail lunghissime xDDDD Se ai msn posso addarti ❤

  15. Rohchan Says:

    shiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii che ho msn!!!!!! *_* *_* *_*
    Come faccio? Eh? Eh? Eh? Dove te lo scrivo il mio contatto?
    Frrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    Povera Lara…le stiamo mandando completamente OT il post…

  16. Roberto (YD) Says:

    Oh, meno male. Vedere che, al di là di qualunque sia l’ambizione e l’obiettivo che ci si propone quando si scrive, siano queste le “fasi” che si attraversano, mi consola un po’ XD.
    E in ogni caso sì, tra lavoro e impegni, trovare la “finestra” non è sempre facile, anzi. Finché quel che stai scrivendo ti prende a calci nel sedere per pretendere di essere scritto, magari non te ne accorgi; poi la musica cambia.
    Vabbé, torno ai miei conti, che hanno questo di bello: c’è un solo modo di farli, quello giusto 😉

  17. Caska Says:

    Pazienza per l’ot, farà bella figura vedendo il numero alto di commenti u_u xD Il messenger scrivimelo pure qui: caskalangley@email.it, è l’indirizzo per lo spam e simili…xDDD

  18. Rohchan Says:

    Esatto, esatto Roberto. *_*
    Anche a me capita così…le cose che voglio scrivere ad un certo punto esplodono come una pentola a pressione dimenticata sul fuoco, e se non mi sbrigo a mettere tutto su carta è un pasticcio…mi tormentano peggio delle zanzare estive…^^

    Conti…ugh. Io DETESTO la matematica…=.=
    Caska, ti ho mandato l’indirizzo…^.-

  19. sergio Says:

    a volte è meglio una fetta di bresaola, che offre più proteine. poi la creatività arriva.

  20. Lara Manni Says:

    Una fetta di bresaola? Non ho mai provato, Sergio, ma potrebbe essere un’idea 🙂
    Roberto, le fasi, in effetti, sono uguali per tutti, credo. Poi però penso una cosa: che bisogna anche forzarsi a scrivere tutti i giorni, anche poco, anche tre righe. Perchè – ma forse sbaglio – penso che a prescindere dallo “smalto” ci debba essere anche la tecnica. E la tecnica si impara esercitandosi. Penso, almeno.
    Caska, Rohchan, fate pure, no problem 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: