Un voto incerto

Su quattro stelline a disposizione su aNobii, gliene avrei date due e mezzo: ma non ho ancora capito se esiste la mezza stella.
Alla fine, gliene ho date tre, ma solo in virtù dell’ultimissima pagina, di cui ovviamente non parlo.

Mi riferisco a Un luogo incerto di Fred Vargas, che ho finito ieri e che mi ha lasciato con un bel po’ di dubbi. Sicuramente è un romanzo scritto molto bene. Sicuramente Vargas possiede una gran tecnica, e ha un curioso distacco nei confronti dei suoi personaggi che le evita, sempre, di cadere nel luogo comune.

Però, per esempio, è ideologica, e la cosa a volte si sente troppo. Spiego.
Premetto che io non amo molto lo sbirro-libro. Quando ero ragazzina mi piacevano i gialli deduttivi, le risoluzioni logiche ah-certo-non-può-che-essere-così. Adesso meno: forse perchè ho meno fiducia nell’intelletto umano e preferisco guardare nel pozzo nero dove i mostri fanno Oh.

Il commissario Adamsberg, che conosco per la prima volta (non ho mai letto nulla di Vargas, prima, quindi prendete queste considerazioni come quelle di una neofita), è un tizio alla Forrest Gump. Scemo e geniale. Insopportabile e adorato. E’ una specie di grado zero: dal momento che non è in grado di condurre un’indagine classica, risolve tutto. Ecco, questo mi puzza di pre-costituito, e dunque non mi convince.

Mi hanno convinto altri personaggi, invece, soprattutto quelli incontrati nel villaggio serbo, e mi piacciono molto le figure minori. Ho trovato perfetta la descrizione del macello, ovvero del primo omicidio in cui un vecchio viene letteralmente sgretolato e da cui parte l’indagine, la quale si incrocia con quella delle scarpe con piedi mozzati ritrovati davanti al cancello di un cimitero inglese.

Bello. Sì. Però. Veniamo  al punto dolente. I vampiri. Ci sono, sono nominati, indagati, sfiorati persino, quando il commissario Adamsberg si ritrova chiuso e incellofanato in una tomba dove i Grandi dormono.
Nel punto più forte della storia, non ho avuto paura. Non ho avuto emozioni. Capitolo tecnico e basta. Qui, dunque, dovrebbe stare il limite: nel momento in cui si maneggiano vampiri, occorre almeno far alitare un soffio di terrore. Che l’autrice ci creda o no. E secondo me no, non ci crede affatto: il suo  è più un divertimento narrativo che un omaggio.
Non ha niente a che vedere con l’horror, per intenderci. Però. Però si legge decisamente con gusto, volendo.

Tag:

4 Risposte to “Un voto incerto”

  1. Laurie Says:

    Ah, ma io comincio a pensare male di questa donna, se usa i vampiri senza… passione? terrore? soggezione?
    Il detective mi ricorda L, da come lo hai descritto °_°

  2. Lara Manni Says:

    Elle…potrebbe starci, ma Elle ha una logica ferrea, lui no. Ha pensieri come pesci che saltano, dice a un certo punto. E’ davvero Forrest Gump, secondo me 🙂
    Senza soggezione, sì: come un trattato di storia del folklore. Tranne. Tranne un particolare che però non posso spoilerare 🙂

  3. Laurie Says:

    Ah, ma tanto non mi hai convinto a leggerlo x°D Però sì, non spoileriamo *nods*

  4. Marco Says:

    Grandissima, Lara! 😉 “nel pozzo nero dove i mostri fanno Oohhh”
    Bello bello bellooooo (si nota la tua mente oscura alla King)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: