Che fatica!

“Lontano in dietro a colle, là verso sol-che-scende, cielo è ora come fuoco e io fa cammino lì, senza fiato in pancia, ed erba fredda e bagna piedi a me.
Niente erba è su alto di colle. Solo terra tutta in torno che colle è come senza ca-peli in testa. Io mette su piedi e volta faccia a vento per sente odore, ma niente odore viene da lontano. Pancia fa male, qua in mezzo a me”.

E’ Alan Moore, il primo racconto de La voce del fuoco, che sto leggendo e su cui sto meditando. Le storie di questo libro sono “voci” da varie epoche storiche: la prima, quella da cui ho tratto il brano, appartiene ad un ragazzo vissuto nella preistoria più preistorica.
Perchè medito? Perchè indubbiamente sto faticando, nella lettura. Eppure sono una che legge parecchio. Però, allo stesso tempo, questo tipo di fatica mi piace: insomma, non è come quando ti imbatti in un libro che è lento o complesso per arroganza.  Non so se riesco a spiegarmi bene: ma esistono i  libri arroganti, libri da cui trasuda senso di superiorità, come se fra le righe ci fosse scritto “se non capisci bene è colpa tua, cretina”.
Questo non è così, affatto:  da quel che capisco, Moore sta cercando veramente di calare chi legge dentro le sue voci. Dentro il tempo.
E allora mi sono chiesta se, tutto sommato, non ci stiamo disabituando alla fatica di leggere, quando quella fatica è (non mi viene altro aggettivo) onesta.

Annunci

5 Risposte to “Che fatica!”

  1. G.L. Says:

    E’ solo il primo, rilassati. Ai voglia a faticare con un io narrante dell’età del ferro, ragazzino e per di più scemo…

  2. Mele Says:

    Concordo con te, Larù! Ci stiamo troppo semplificando il cervello! (Ti vorrei fare un paragone colla musica, ma so che ho rotto coi paragoni colla musica.)
    Gli “artisti” arroganti (cavolo, che aggettivo adatto!) sono dappertutto e le loro corti invadono ogni campo come parassiti.
    Propongo una disinfestazione (Mele cerca un manganello).
    (Se ti chiedi perchè sono a casa a quest’ora: ho l’influenza! E io che ti menavo tanto la storia degli anticorpi… chiedo scusa con umiltà!)

  3. Laurie Says:

    Avevo letto di un’intervista di questo libro di Moore, e delle sue sperimentazioni con il linguaggio. E no, non ho mai pensato che il buon zio Alan sia arrogante: trovo che ogni sua scelta sia dettata da una sorta di etica dello scrittore, insomma una specie di Rorschach letterario.

  4. Lara Manni Says:

    Ma infatti! Non penso affatto che Moore sia arrogante, al contrario!

  5. Lara Manni Says:

    Dimenticavo: Mele, fallo pure il paragone con la musica, mi interessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: