Boys don’t cry

Sono a metà dell’ultimo capitolo. Lo stato d’animo è quel che è. Più che altro penso che mi mancheranno i bisbigli. Ovvero, quel sottofondo continuo dei miei pensieri coscienti che suggerisce parole, frasi, immagini. Mi mancherà anche quello strano sguardo che fa di un episodio banale una situazione: lo starnuto della fontanella, molto presente nei primi capitoli del tre, è reale, viene da un pomeriggio d’estate in cui passeggiavo in una piazza, in un paese di mare, e una fontanella ha starnutito tre volte.  Acqua nelle tubature, ovviamente. Ma io ho messo le mani al taccuino e alla penna e ho segnato, pensando che poteva essermi utile.

Comunque.
So che continuerò a scrivere, comunque vada e dovunque possa.
Però. Però. Però.
Vado avanti. Boys don’t cry, e io sono una femmina. E non piagnucolo, ho detto.

Annunci

5 Risposte to “Boys don’t cry”

  1. Caska Says:

    Ma il brusio c’è sempre, non t’illudere xD

  2. Lara Manni Says:

    Ma io lo voglio, il brusio! 🙂

  3. kira Says:

    facciamo così…. per non farti perdere l’abitudine dei rumori(?) nella tua testa ti apparirò in sogno come fantasma dicendoti: “scriviiii…. scriviiiiiiiiiii!”. Ti avverto però… io sono MOLTO più fastidiosa dei bisbigli… xD

  4. Laurie Says:

    Larù, per te il brusio non è fisso?? (ti presto un po’ i miei :P)

  5. Lara Manni Says:

    Il brusio è decisamente fisso. Appunto. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: