Dimmi cosa vuoi

Su una bancarella, ieri, ho trovato Infinito di Olaf Stapledon. E’ un romanzo di fantascienza del 1930. Ne avevo sentito parlare molto, ma non lo avevo ancora avuto fra le mani. E’ strano. Non somiglia a un romanzo nel senso in cui lo intendo io. E’ una narrazione epica. Una Cronaca del Possibile. Persino fredda, ma impressionante, almeno nelle prime pagine. Del resto Stapledon lo scrive, nella prefazione:  quello che gli interessa è creare una mitologia.
Poi arriva, fatalmente,  la domanda: e tu, ragazzaccia, cosa vuoi? Ti interessano davvero i mondi e i mostri e la paura, oppure, come mi scriveva ieri una persona in gamba, ti interessano soprattutto le emozioni dei personaggi, e in assoluto degli esseri umani (e no)?
Rimugino.

Annunci

Tag:

13 Risposte to “Dimmi cosa vuoi”

  1. Teiresias Says:

    Se vuoi un buon romanzo di fantascienza, ti consiglio la saga di Berseker! di Fred Saberhagen: è davvero ben fatta. Io la comprai una volta per scherzo nella collana Urania e ne sono rimasto sorpreso 😀

  2. Vale Says:

    Mettiamola così: a mio parere (e sono appassionata tanto di sf che di horror) non c’è mostro o astronave senza le emozioni umane. Ora dirò una bestialità, magari qualcuno vorrà linciarmi, ma per fare un esempio: con tutto che un autore come Asimov susciti il mio interesse da ex aspirante ingegnera, sarà sempre inferiore a un Philip Dick… perché Asimov più che i personaggi, era interessato a costruire mondi, del resto era uno scienziato. E prima che qualche Asimoviano si arrabbi: a me Asimov piace(va), e penso che nei racconti, quando lasciava da parte la scienza e si concentrava di più sui personaggi, ci riusciva eccome.
    Mentre Philip Dick, al di là dei discorsi che sio possono fare (folle, sindrome di persecuzione, problemi con le donne) univa l’innovazione fantastica scientifica ad una profonda indagine sui personaggi. E questo lo rendeva grande.
    Quindi, perché non entrambi?
    (uhm, vabbè, forse poi tutto sto commento sa di retoricaccia…)

  3. Laurie Says:

    Ohh la MZB diceva che la fantascienza riguarda il futuro dell’umanità, e quindi questo la rende molto importante (e interessante).
    E comunque, aggiungo io chi pensa che fantascienza sia solo navi spaziali non ha proprio capito di cosa si parla. La sci-fi è molto interessata all’uomo, forse perché mette di fronte l’uomo a situazioni estreme.
    Anyway, anch’io mi sto interessando alla fantascienza. Ma ora ho voglia di leggere le Cronache Marziane di Bradbury *__*

  4. Lara Manni Says:

    Io ho cominciato da ragazzina a leggere la fantascienza classica, tipo la Trilogia Galattica di Asimov. E poi, anche se non so se definirla fantascienza o fantasy, la saga di Dune di Herbert. E Bradbury, sì! Le Cronache e Fahrenheit!
    La differenza tra Asimov e Dick…in realtà li amo entrambi, per motivi diversi: nella trilogia era la nitidezza dei suoi mondi, imprevedibilità inclusa, ad affascinarmi. Dick è, be’, pura visione…
    Teiresias, grazie della dritta!

  5. Laurie Says:

    Ahh Larùù, fammi da sensei, brava *__* Per ma la sci-fi è tutta da scoprire eheh Piano piano la sto recuperando, tutti i classici: Dune, Dick, Asimov *__*

  6. Lara Manni Says:

    Comincia dalla Trilogia, sì? Io penso che ti piacerebbe. E Dune lo adorerai, ne sono quasi certa!!!

  7. Teiresias Says:

    Poi ci sono diversi generi anche all’interno del sci-fi, senza voler contare chi confonde fantasy con fantascienza perché parla dello spazio profondo…ooooooooooooohhh, Dune *_* amato il film, divorato in un blocco la serie originale dei libri.
    Anche Orwell e H.G.Wells sono fantascienza, a loro modo 🙂
    Personalmente anche io preferisco Dick ad Asimov, forse perché mentre il secondo parla di mondi che sembrano spesso lontani e poco probabili, il primo ha una sorta di cinica lucidità sul futuro (che si è poi avverato) che sconvolge specialmente a leggerlo adesso.
    Non per nulla il miglior film di fantascienza resta sempre il solo e unico Blade Runner XD

  8. Laurie Says:

    Trilogia? Titoli?

  9. Vale Says:

    La trilogia della Fondazione di Isaac Asimov.
    Adesso si trova in un unico volume, in paperback.

  10. Lara Manni Says:

    Il film di Dune!!!! Come avrei voluto un seguito!!!
    Quanto a Blade Runner, è un capolavoro. Anche il racconto di Dick.

  11. Lo Stregatto Says:

    Stapledon l’avevo trovato anni addietro in biblioteca; mi è tornato in mente proprio in questi giorni poichè sto leggendo la trilogia “Manifold” di Stephen Baxter.
    Bella serie di libri, ma… estremamente “fisica”; dipinge un futuro prossimo. I personaggi sono solo piccole pedine che vagano in una scacchiera immensamente più grande di loro e da cui vengono alla fin dei conti sovrasta le persone e i loro tratti… a cui, in effetti, nel libro viene dato poco spazio.
    In sostanza, bei libri, ma freddi.

  12. Laurie Says:

    Ahh ma la Fondazione sese Me la moocherò eheh

  13. Lo Stregatto Says:

    ho visto che è possibile scaricare il libro che (se non erro) cita Lara, direttamente da:
    http://ebooks.adelaide.edu.au/s/stapledon/olaf/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: