Intervista a più voci

Ieri la chiacchierata su Writer’s Dream è stata molto piacevole. Al punto che ho pensato di riportare qui alcune delle domande e risposte, saltando quelle su cui sono già tornata tante volte. Ancora grazie a organizzatori e partecipanti. E…l’ultima domanda era rimasta senza risposta, ieri, per cui approfitto e rispondo qui.

Rew: Nel capitolo 16 Sensei ricorda quando propose il suo Manga alla redazione della rivista. Da come hai descritto la scena sembra che Sensei ami disegnare. Col passare del tempo il suo amore verso i Manga è cambiato? Perchè all’inizio del romanzo sembra che sia solo una faccenda di soldi e fama, detto in parole povere.

La Sensei è un personaggio molto particolare: soprattutto perchè, in una storia dove tutti mutano, è quello che muta più profondamente, portando alla luce tutto quello che aveva ricacciato dentro di sè in vent’anni.
Ho cercato di immaginare cosa succede ad una donna che ama il proprio lavoro – arte, se vuoi – inizialmente con passione totale. Come è per Ivy. E che poi deve, giocoforza, adeguarsi alle regole. Non tanto quelle del mercato e dell’editoria. Ma le sue. La sensazione di “potere” che esercita nei confronti dei fan, e dei suoi personaggi.
La passione c’era e non c’è più, ecco la risposta.

Demonio pellegrino: prima ancora di pubblicare il libro, hai annunciato che era il primo di una trilogia. Due domande: non credi che questo possa aver alienato possibili lettori che non hanno voglia di un’ennesima trilogia? E in ogni caso, hai gia’ venduto i diritti per gli altri due libri?

Quando ho finito Esbat NON SAPEVO che sarebbe stato il primo di una trilogia. L’ho saputo dopo poco tempo, in realtà, perchè avevo la sensazione che, pur essendo una storia conclusa, avesse bisogno di chiudersi del tutto.
Quindi ho scritto gli altri due soprattutto…per me. E per le persone che leggevano su Efp.
Prima risposta: spero di no, perchè ogni libro è autoconcluso e ogni storia è profondamente diversa.
Seconda risposta: non ancora.

Pyros: Prima di essere definitivamente pubblicato, Esbat ha conosciuto un processo di editing? Se sì, come si è svolto?

Ho finito Esbat a ottobre 2007.
L’ho chiuso in un cassetto per dimenticarlo.
Poi l’ho ripreso esattamente un anno fa e ci ho lavorato fino a ottobre. Nel mezzo, ho avuto consigli lunghi e dettagliati da Gamberetta che mi sono stati preziosi per evitare alcune incongruenze di meccanismo.
Ho cominciato a lavorare con l’editor di Feltrinelli  a novembre. A quel punto ero già alla terza stesura.
Fino a febbraio ho lavorato con lui, poi con una seconda editor  fino agli inizi di maggio.
Questo per quanto riguarda i tempi.
Un editing ha due forme: i meccanismi e la psicologia dei personaggi, e il lavoro sul linguaggio.
In tutti e due i campi, mi sono state fatte delle osservazioni e io ho ragionato per trovare una soluzione.
Diciamo, visto che in giro si leggono molte cose ingiuste sugli editor, che nessuno, mai, mi ha proposto di uniformarmi ad uno stile non mio.

Pyros:  Interessante. Nessuno di loro ha avuto problemi con ciò che ho segnalato io su Gamberi Fantasy?

Gamberetta aveva dubbi simili su Hyoutsuki, gli editor no.
Approfitto per risponderti però.
Tu hai segnalato la “gnokkaggine” del protagonista. Tra l’altro attribuendogli desideri e ambizioni (anzi, la mancanza dei medesimi) decisamente umani. Da come l’hai messa tu, più che un Demone sembrava un laureato in Scienze della Comunicazione che non si impegna abbastanza a costruirsi un futuro.
Ecco: bene o male che io l’abbia delineato, Hyoutsuki è un Demone. E’ “altro” dall’umanità. A mio modo di vedere, l’altro, il Divino, deve possedere una forma di bellezza annichilente. Mostruosa, in quanto perfetta. Per me essere “gnokki” è un’altra cosa: ma stiamo entrando, naturalmente, nei gusti personali, che sono legittimi. Purchè vengano espressi, a mio modo di vedere, con il garbo che va tributato a un lettore – ma anche a chi scrive.

Laurie: Premesso che non mi sembra tu ami molto le etichette, pensi che horror sia un buon modo per descrivere il tuo libro (o una buona categoria a cui ricondurre il tuo libro)?

Forse sì. Penso che laddove ci sia oscurità ci sia horror.

Hamish: Ora ti chiederei se Masada non poteva farsi i fatti suoi e lasciar morire la Sensei al capitolo 14; ma non la trovo una domanda consona alla situazione xD

Certo che poteva. Ma non sarebbe stato da lui: la amava.
(però questo sarebbe un ottimo spunto per una fan fiction: cosa sarebbe successo se…)

Hamish: Iniziando con il dire che tutti i personaggi hanno qualcosa dell autore (in questo caso Autrice): ce n’è uno in cui ti rivedi particolarmente?

Uh. Più di uno.
Ivy, naturalmente. Che, tengo a ribadire, non è la goffa fanciulla che diventa cigno: perchè non lo diventa. Anzi, secondo alcuni lettori della fan fiction, Ivy è troppo “normale” per essere un’eroina.
Ma io volevo proprio creare un personaggio “normale”. Un’adolescente come sono stata io, molto goffa, anche crudele e vigliacca, molto sognatrice.
E poi, in parte, la Sensei. Perchè, come lei, anche io tendo a reprimere molte cose di me. Salvo poi esserne travolta. Ma penso che accada a molti.

Rohchan: perchè hai scelto proprio Hyotsuki e Yobai come protagonisti, uno freddo e distaccato e l’altro calcolatore e intelligentissimo, invece di usare personaggi più, come dire, semplici -o forse meglio caratterizzati già in precedenza?

Per il motivo che tu stessa hai indicato. Mi interessavano due Altri, due non-umani, mossi da due opposte ambizioni. Hyoutsuki che vuole rimanere esattamente come è sempre stato, immobile in un mondo perfetto, e Yobai che intende possedere e poi ribaltare quel mondo, per imporre le proprie regole “contro” quelle prestabilite. Ordine e Caos.
E mi interessava portare tutti e due al punto opposto da cui sono partiti
Di fatto, è Hyoutsuki quello che cambia più profondamente, e Yobai quello che conferma un ordine prestabilito.

Rohchan:  Roma è una città immensa. Tutti i posti che usi per ambientare la storia li hai visti davvero, li conosci, o solo di fama? C’è una casa in particolare che hai immaginato essere quella di Ivy?

Sì, li conosco tutti.
Dalla metropolitana agli adolescenti di piazza del Popolo, fino alla casa perbene di Ivy che somiglia moltissimo a quella della madre di una mia amica. Impeccabile e gelata.
Io sono una ladrona. Persino la fontanella che starnuta (che non è in Esbat, come qualcuno sa) è vera. Guardo e poi prendo appunti.

Demonio Pellegrino:  Altra domanda: cosa cerchi di tramsettere di piu’ al lettore con quello che scrivi? Vuoi colpire il lettore con la storia, e trasportarlo dentro senza che se ne accorga? Vuoi che il lettore venga ammaliato dalle atmosfere che sai creare (esempio: un Mishima, un Murakami, ma anche un Calvino)? Vuoi che chiuda il libro pensando che il tuo stile di scrittura e’ particolare e solo tuo (King e’ riconoscibile anche senza copertina, per esempio).

Posso dire sì a tutto?
In realtà, forse è la storia quella che mi interessa più di tutto: mi piacerebbe che chi legge dimenticasse dove si trova. Come succede a me quando leggo King. Questo è prioritario anche rispetto allo stile (anche se una storia senza lingua, e dunque senza stile, non si regge).
Però non si regge neanche senza atmosfere: quelle di Murakami, in particolare, sono luminose e crudeli insieme. Ma quella è Purissima Arte.
Io mi accontento di fare – se ci riesco – Buon Artigianato.

Hamish : Io ho una domanda che mi è balenata ora alla mente:
Hai mai pensato che qualcuno potesse fare fanfiction di Esbat? Hai mai pensato a come la prenderesti vedendo FF OOC o Yaoi? ò.O

Mi divertirei FOLLEMENTE!
E poi, come Rohchan può confermare, è stato aperto su Efp un contest su Esbat. Quindi mi auguro di leggerne.
OOC…be’, l’OOC non è esattamente qualcosa che amo. Ma dipende dalla storia, naturalmente. Quanto allo yaoi: non ne ho mai scritto. Ma esiste un Bonus Chapter, che ho riportato sul blog, che include un abbozzo di scena yaoi. E’, naturalmente, un’autoparodia.

Demonio Pellegrino: Uno dei problemi – a mio avviso – della letturatura contemporanea italiana e’ che pare tutto si riduca al proprio tinello: anche quando la storia puo’ essere interessante (tipo Caos Calmo) non mi pare ci sia quasi mai uno sforzo di andare oltre la propria citta’, la propria casa, il proprio bar (ci sono eccezioni, ovviamente, la migliore delle quali mi pare siano i Wu Ming).
E qui la domanda: cosa ti ha spinto a cercare di “andare oltre” il tuo tinello? Certo sarebbe stato piu’ facile ambientare tutto in Italia: quanta ricerca in piu’ hai dovuto fare per rendere il tutto piu’ credibile? Quanta fatica?

La risposta, forse, è banale: ho cercato di scrivere quello che desideravo leggere. Certo, ho faticato e sto faticando ancora: se Esbat aveva il problema dell’ambientazione geografica, Sopdet ha quello della tripla ambientazione temporale (Prima Guerra Mondiale, Repubblica di Salò, 1977…OLTRE ai nostri giorni e OLTRE la dimensione parallela)…E Tanit è il testo dove si tirano i fili di tutti e tre i libri quindi richiedeva un ulteriore salto mortale.
Credo però che la ricerca sia non solo fondamentale. Ma anche immensamente divertente

Rohchan:  quando sei in un posto, e poi lo inserisci nella storia…com’è il processo? Ti guardi intorno e ti dici “ah, questo posto potrebbe andar bene per…”, oppure i tuoi personaggi “piombano” nel luogo in cui ti trovi senza darti scampo?

No, in realtà funziona tutto a posteriori. Sto scrivendo E in quel momento mi viene in mente la casa col pianoforte o la fontana che starnuta e dico “qui”. Ci sono stati capitoli dove la storia ha preso una direzione opposta a quella che pensavo, ed è avvenuto mentre li scrivevo.
Il bicchiere che la Sensei rompe da bambina è un episodio della mia infanzia che mi si è catapultato davanti all’improvviso, e a cui non pensavo più…è abbastanza automatico, in prima fase.
In altri casi, come la signora messicana che mi ha regalato la collana – ne ho parlato nel blog – succede il contrario: “ehi, parto da questo episodio per…”.
Ma sono più rari.

Hamish: Ora, probabilmente me lo sono perso per strada, ma: qual’è il vero nome della Sensei?

La Sensei non ha nome, ed è una scelta voluta. Volevo che fosse fortissima l’identificazione tra persona e autrice del manga e idolo del fandom. Era un modo per rendere più forte l’azzeramento emotivo che aveva fatto prima che il Demone entrasse dalla finestra.

Demonio Pellegrino: Una domanda personale: come influisce sulla tua vita sociale il fatto di essere una scrittrice? Mi spiego: quanto credi influenzi gli altri il fatto che tu dica “sono una scrittrice” quando li conosci. E quanto influenza te nel rapportarti con gli altri.

Credo che non influisca, perchè non sono riuscita ancora a dirlo. Al massimo dico “sono una che scribacchia”. E’ che faccio resistenza, sai? Mi viene subito in mente Totò che fa “lei non sa chi sono io”.
Quindi, a me non influenza affatto nel rapportarmi con gli altri. E mi auguro di cuore che non influenzi gli altri: perchè una cosa sono i testi, un’altra le persone. Spero.

Rohchan: Chi ti piacerebbe leggesse il tuo libro? Nel senso che diresti….’caspita, anche tu? sono onorata!’
e…se potessi invitare a cena venti persone per festeggiare Esbat…chi inviteresti? famose o meno, eh…^^

La prima risposta è scontata quanto impossibile. Ovviamente, Mister King. Ma non accadrà mai. La seconda: inviterei le venti persone (ci siamo, più o meno) con cui ho condiviso la pubblicazione di Esbat su Efp, e che hanno seguito più da vicino la stesura della trilogia, aiutandomi con i loro commenti e le loro critiche o semplicemente leggendo.  E non è detto che non lo faccia, prima o poi.

Annunci

31 Risposte to “Intervista a più voci”

  1. Mele Says:

    (Mele rotola immaginando Hyoutsuki versione swarovski… poi pensa che come idea pubblicitaria non sarebbe neppure malvagia)
    Ho seguito la chiacchierata di ieri e ora ti dico: visto da quanto calore sei circondata? Motivo in più per non lasciarsi abbattere dai ghiacciolini che cercano di colpirti. Mele La Stufetta e l’esercito di copertine ti proteggeranno! Che la carbonella sia con te!

  2. Hannah Says:

    Ieri non sono potuta passare su Writers dream all’orario dell’Intervista a causa dello studio, ma stamattina me la sono riletta con calma =). Interessanti le domande e le risposte riguardanti la sensei e come fattori esterni possono influire sulla stesura del libro – la fontanella che starnuta, il bicchiere che si rompe…

    Colgo l’occasione per farti anch’io una domanda, anche se non riguardante direttamente il tuo libro…vorrei citare un passaggio di Esbat in Minami-Dori, la fanfiction che sto scrivendo su efp. Posso farlo?
    (e già che ci siamo, riguardo Minami Dori:grazie per averla inserita nelle seguite :mrgreen: per me è un onore)

  3. Lara Manni Says:

    Ovvio che puoi, Hannah! Anzi, mi fa un grandissimo piacere!
    Mele! La carbonella con questo caldo! 🙂

  4. Caska Says:

    Mi considerò invitata, eh?! u_u

  5. Lara Manni Says:

    Tu sei tra gli “editanti”, Caska 🙂 Quindi hai un posto speciale!

  6. Hannah Says:

    ok, allora :mrgreen: corro a scrivere il capitolo e a trovare il punto giusto per inserire la citazione. Ci sto lavorando, ma le parole non vogliono stare tutte al loro posto >.< *si arma di mazzuolo* devo revisionare.

    Comunque, Mele ha perfettamente ragione ;). Su hyoutsuki versione swarovski e sulla stufa. V.v

  7. Caska Says:

    xDD a buon rendere, quando sarà il mio turno ti farò il riso al curry giappo!

  8. Lara Manni Says:

    E io voglio LEGGERE! Hannah!
    Caska…non sapevo che i giappo amassero il…curry?

  9. Caska Says:

    Hai voglia, più le cose sono piccanti meglio è xD Il riso lo si vede sempre anche nei manga, bwahah. E’ questo: http://i41.tinypic.com/eb1v0y.jpg http://i42.tinypic.com/nyhhep.jpg xD

  10. Rew Says:

    Che io sappia nei manga parlano sempre di riso al curry. Immagino che ne vadano pazzi (e Kishimoto diceva che da piccolo ne mangiava tanto perchè giocava a fare lo Yellow Ranger).

  11. Caska Says:

    Sì, il problema è che se le cose non sono piccanti a 4000 gradi non sono soddisfatti, quindi in generale esci ustionato dai ristoranti e_e meglio la tavolette graduate del combini D: Noi a Tokyo ne facevamo una pentola che andava avanti quattro giorni , al quinto avevamo la nausea e al sesto ne facevamo ancora perché è troppo buono *_*;

  12. Laurie Says:

    CENA CENA CENA!!
    Comunque.
    Lo sai che hai dei lettori meravigliosamente curiosi?? Ti hanno fatte delle domande adorabili, che io non avrei mai immaginato!
    Mi piace come iniziativa: è molto informale ma i lettori si fanno sentire e vengono fuori cose interessanti.

  13. Caska Says:

    (lol, laurie, ho cliccato un po’ a caso nei toi link e ho trovato sul tuo archivio di fanfics la cosa del rating NC21 che ti ha lasciata perplessa. Pensa che non esisteva, l’abbiamo coniato io e una mia allora amica -Pitochan- per due nostre fic che in effetti a ben vedere anche tanti anni dopo avevano davvero bisogno di un rating speciale…xD”)

  14. Laurie Says:

    Oh quindi l’ho preso da VOI? Uhm, in effetti ero incerta se metterlo o no, mo’ lo tengo, se non ti scazza, voglio vedere se un giorno riuscirò ad arrivare a cotali livelli di perversione!! *O*

  15. Caska Says:

    No, figurati xDDD però era un trivia divertente da dire xDD In realtà più che per la “perversione” l’avevamo coniato perché erano storie davvero davvero ma davvero pesanti e all’epoca (stiamo parlando di sette anni fa o_o se non otto) tutti cliccavano le cose a casaccio e anche se mettevi nc17 poi si lagnavano che erano TROPPO nc17 xDD E avevamo optato per un nuovo rating. Poi negli anni penso di aver superato abbondantemente quella fic in questione (in senso prettamente di contenuto, c’è da dire che aveva effettivamente qualcosa di stupidamente e inutilmente agosciante oltre ogni limite che non ci tengo a ripetere xDDD), ma sai, adesso i lettori diciamo che si sono abituati a fare un uso un po’ più consapevole del rating, quindi forse l’NC21 è ormai obsoleto xDD però è bello rtrovarlo in giro ❤ Io lo terrei a monito xDD

  16. Fabrizio Says:

    Devo ammettere che sono incuriosito dalla consulenza della Gambera.
    Nelle sue recensioni tende a “imporsi” parecchio sulle scelte degli scrittori. Mi chiedo come sia stato il rapporto tra voi.

    Sono incuriosito, perchè ritengo comunque valido il suo approccio, quando mantiene la sua oggettività. Ma mi chiedo quanto semplice sia il confronto con lei.

  17. Roberto (YD) Says:

    Davvero molto interessante e complimenti alle risposte ma soprattutto alle domande. Veramente ben poste. *_*

    Ah, e comincia a comprare un po’ di vettovaglie, va’! XD

  18. Hamish Says:

    Eccomi per la prima volta su questa spiaggia X°D
    Cioè: sono state citate le mie “saggissime”(?) domande. Sono lusingato ^o^
    Scusate ma per quanto riguarda il curry è vero: i giapponesi ne mangiano e neppure poco X°D Io non lo gradisco molto ma a loro piace. Una mia corrispondente me ne parla sempre *w*

  19. Caska Says:

    Senza contare che ha un effetto lassativo simpatico quando dividi un appartamento in quattro persone.

  20. Lara Manni Says:

    Rispondo intanto a Fabrizio. Molto semplicemente, ha individuato subito alcuni “buchi” grossi come grattacieli di cui non mi ero resa conto. Nessuna imposizione, ma fatti. Per me è stato uno scambio di mail più che prezioso.
    Ragazzacci, prima o poi faremo la cena. 🙂
    Ma non so cucinare molto bene, vi avverto.

  21. Mele Says:

    Mi paghi il treno se vengo a prepararvi la cena? Orata al forno (Se c’è il pesce già pulito, neh… che schifo, altrimenti)? Arrosto? Pasta al pomodoro (con sugo preparato in casa e basilico e cuore di bue dell’orto, eh!)? Risotto alla crema (Mmmh, mi sta venendo fame…)? E poi il dolce. E il caffè. Sono la regina del caffè. (Non si vede dalle occhiaie, neh?)

  22. Laurie Says:

    Mi sa che ogni ospite porterà qualcosa: tiramisù alla fragola o crepes ai funghi porcini versione poVca?

  23. Mele Says:

    Oh -_-… Allora non servo. Peccato.

  24. Lara Manni Says:

    Tu servi SEMPRE, Mele 🙂
    (crepes ai funghi porcini? Ohibò)

  25. Mele Says:

    Sì? Avete bisogno di personale?

  26. Lara Manni Says:

    No, io ho bisogno di coccole 🙂

  27. Mele Says:

    Anche da una stufetta? Frr?

  28. Lara Manni Says:

    Sì!!!!

  29. Ayame Says:

    Io porto il rhum! *.*

  30. ikustang88 Says:

    Ecco!
    Vedo che un’ottima intervista te l’anno già fatta, bene…sono arrivata tardi!
    Ora vado a leggerla tutta quanta su Writer’s Dream.

    Comunque grazie per la pazienza, e scusami!

  31. Lara Manni Says:

    Ah…il rhum..
    Iku, ma io sono disponibilissima! Scusa di che? 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: