Al cinema con zio Stevie

Sì, lo so, sono in pieno periodo kinghiano: non mi passa, ma si attenua.
Per esempio, in una discussione di aNobii  scopro che c’è un altro libro uscito or ora, Stephen King goes to the movie, che raccoglie alcune storie trasformate in film. Non lo comprerò, perchè le ho tutte tranne una:  1408, The Mangler – La macchina infernale, ispirato dall’odio di King per le presse da stiro, nato dalla sua esperienza professionale in una lavanderia a gettoni. E poi Cuori in Atlantide, Le ali della libertà (ovvero Rita Hayworth and the Shawshank redemption) Grano rosso sangue.

Dunque. Non ho visto nè letto  The mangler. E non ho visto neanche tutti i film tratti da King. Però, i miei prediletti sono Dolores Claiborne- L’ultima eclissi e Misery, direi. Ah, e Carrie. Ah, e Stand By me. Ah, e Il miglio verde. Shining mi ha lasciato perplessa. Pet Sematary non era male.  Su The Mist nutro dubbi. It era brutto, e così L’ombra dello Scorpione.
La cosa carina, leggo, è come definisce King l’adattamento cinematografico: «Quando si adatta un romanzo per il cinema è come sedersi su una valigia stracolma per cercare di tenere tutto dentro. È un po’ come lavorare per Selezione dal Reader’s Digest».
Posso intuire la sensazione.

Annunci

Tag:

27 Risposte to “Al cinema con zio Stevie”

  1. Stefano Romagna Says:

    Io invece Stephen King goes to the movie l’ho comprato pur avendo le antologie dei racconti. Soffro di mania compulsiva da collezionismo. Se poi si parla del Re… divento cretino. I film tratti dai suoi romanzi non li ho ancora visti tutti, ma per me la top five è Misery, Shining, Il miglio verde, Carrie: lo sguardo di Satana e, a tratti, It.
    Sarei curioso di vedere L’ombra dello scorpione e Cose preziose, anche se non me ne hanno parlato bene. Pet Sematary invece mi aveva convinto fino a un certo punto. Ben fatto senz’altro, ma senza la potenza evocativa della storia originale. Shining mi piacque perché lo considero un compendio al libro piuttosto che una trasposizione fedele.

  2. Uriele Says:

    L’ombra dello scorpione era un film orrendo in due parti per la TV. E di Shining purtroppo ce ne sono due versioni: quella del 1980 di Kubrick (un piccolo gioiello, ma Kubrick ha drizzato la schiena anche alla Sentinella… è uno dei pochi registi che riesce a migliorare i libri. Forse l’unica eccezione è Lolita) e l’orrendo e più fedele (screenplay di King stesso) Sthephen King’s Shining.
    Invece in CreepShow ci sono 5 storie di King (non mi ricordo se trasposizioni o racconti inediti per il cinema). In uno King stesso fa l’attore. Menzione d’onore alla serie di episodi di The Twilight Zone o de La Zona Morta, tratti da alcuni racconti di King. Quelli ti fanno davvero ghiacciare il sangue

  3. Lara Manni Says:

    Vero vero, The Twilight Zone!!!!
    A me Shining lascia dubbiosa: il libro mi ha preso molto più del film e mi ha anche spaventato di più, e mi è piaciuto più il finale di King, molto più profondo per quanto riguarda il rapporto padre figlio…

  4. Uriele Says:

    I finali di King mi lasciano sempre con il desiderio di lanciare il libro fuori dal balcone e fare il piattello con un lanciafiamme (non è proprio vero, Misery non mi era dispiaciuto e di solito mi piacciono molto anche i racconti brevi, ma i finali dei romanzi di solito…). Ho incominciato Duma Key in parallelo ai reitti dell’altro pianeta. Promette bene e rischio di riappacificarmi con il King romanziere, ma ho sempre paura dei finali.

    PS: ma la versione integrale dell’Ombra dello Scorpione è molto diversa o sono soltanto dettagli e descrizioni che cambiano? Io ho quella antica

  5. Ema Says:

    Le ali della libertà mi commuove sempre come pochi, al pari de Il Miglio Verde. Shining è più Kubrick che King (la versione di king è bruttissima ma almeno si capisce tutto 🙂 ) ma è comunque un capolavoro – e jack è sempre jack.
    Misery è favoloso anche come film – e anche qui gli attori ci mettono molto del loro. Diciamo che in generale meno ci mette del suo King, nei film tratti dai suoi romanzi, e meglio è. Non so se siete d’accordo.
    Cose preziose era bellino ma sbrodolato nella seconda metà. Dolores Claiborne: splendido. Cujo e Christine: bleah. Tommyknockers: fino a metà. Pet sematary… mi ha agghiacciato (in senso buono, le immagini del bimbo che non è più un bimbo le ho ancora dietro le retine).
    The fog, pare fosse carino quello di Carpenter e orrendo il recente rifacimento ma non ho visto nessuno dei due. Carrie… non saprei, forse hanno allungato troppo la pappa.
    La zona morta (il film) è ben fatto e recitato ma non lo ricordo con particolare impressione. It e Scorpione… vi siete già espressi 😉
    Qualcuno ha visto l’Incendiaria?
    Qualcuno ha visto Langoliers per caso?
    Dimentico niente?

  6. Marco Says:

    Well, here you are 😉
    Il miglio verde è stato straordinario, tanto che ai suoi tempi corse per i Premi Oscar! Tra i tuoi titoli, Lara, noto che non c’è BRIVIDO, l’unico film che ha visto KING come regista, affidatogli da De Laurentis 😉 Poi SECRET WINDOW a me è piaciutissimo ^_^ anche per le atmosfere e il personaggio di Johnny Depp.
    Anche di Salem’s Lot ci sono due versioni, una corta e una lunga.
    Che dire di DESPERATION (del regista de l’ombra dello Scorpione e dell’altra versione di Shining)? E il suo RIDING THE BULLET… E l’Acchiappasogni con Morgan Freeman?
    I Langolieri, invece, mi ha fatto ridere, altro che paura.
    Poi c’è la serie di INCUBI E DELIRI, apprezzabile.
    E poi L’OCCHIO DEL MALE. ROSE RED. E CHRISTINE.
    (sono l’unico ad averli? Però ha ragione King: la narrazione visiva è altra cosa)
    E poi, e poi uscirà presto anche in Italia (spero) MUCCHIO D’OSSA 🙂

  7. YamiSanada Says:

    L’Incendiaria film è, per caso, Fenomeni paranormali incontrollabili, con Drew Barrimore?
    Il romanzo non l’ho letto, ma il film l’ho visto, molti anni fa, e mi era piaciuto molto. Da qualche parte, nella casa a Messina, dovrei avere ancora la vecchia VHS. Quasi quasi lo recupero.
    Di tutti i film tratti dai romanzi di King ho visto solo Pet Sematary (carino, ma non lo ricordo bene), Il miglio verde (stupendo *_*), IT e L’ombra dello scorpione. Quest’ultimo l’ho visto di recente… e concordo sulla sua bruttezza.

  8. Lara Manni Says:

    COSA? Mucchio d’ossa in Italia? Io ho ADORATO quel romanzo!!!
    Allora, mi mancano una marea di film e credo che approfitterò dell’influenza per guardarmene un po’. Non sapevo che Rose Red (Rose Madder?) fosse divenuto film. E neanche di Desperation. Secret Window l’ho visto e mi è piaciuto, Brivido mi manca.
    Ah, e anche Tommyknockers!!!

    Ps. Uriele, io ho la versione antica, non so se cambia qualcosa nella nuova Ombra dello Scorpione 😦

  9. Ema Says:

    mi pare che rose red sia una serie scritta da king proprio per la tv, non una riduzione di rose madder… poi ne scrisse un libro, qualcosa come “il diario di ellen rimbauer”. Processo inverso insomma.

  10. Marco Says:

    Rose Red, Il Diario di Ellen Rimbauer 😉
    Eh si, Mucchio d’ossa diventa film (lo stesso regista di Desperation, mi è proprio piaciuto, anche se alcune cose sullo schermo cambiano sempre). Oh, dimenticavo LA TEMPESTA DEL SECOLO.
    Certi titoli, ahinoi, son introvabili o fuori commercio…

    P.S.: Under the Dome ti ricorda qualcosa ne LA TEMPESTA? 😉

  11. Lara Manni Says:

    Ah ecco. In un certo senso, peccato: credo di essere fra le non molte fan di Rose Madder 😦
    Ps. Ancora no, ma…vediamo.

  12. Marco Says:

    Lara, ma lo sai vero che lo ZIONE ha scritto il suo primo fumetto, la serie di AMERICAN VAMPIRE che uscirà il prossimo anno??? 🙂
    pare una precisa “risposta” agli Edwardiani

  13. Lara Manni Says:

    NO! NON LO SAPEVO!!!!!!!!!!!!!!!!
    Vado ad accendere un cero a Bram Stoker! Ma che meraviglia!!!!

  14. demoniopellegrino Says:

    Urele, concordo su tutto. King spesso mi fa troppo arrabbiare coi finali. Non ti dico niente su Duma Key. Ma parliamone quando l’hai finito…

  15. demoniopellegrino Says:

    ps – ho appena comprato per il kindle l’edizione “lunga” di the stand, l’ombra dello scorpione. Nell’introduzione King spiega che in realta’ ha reintegrato dei tagli che gli erano stati imposti per ragioni di prezzo di copertina quando usci’ la versione originale. Vi sapro’ dire poi.

  16. Stefano Romagna Says:

    La versione integrale de L’ombra dello scorpione ha qualche centinaio di pagine in più, ma sono solo aggiunte trascurabili e non modifiche importanti. Chiaramente è consigliato di leggere direttamente la versione riveduta a chi non l’ha ancora fatto, ma chi si è accontentato di quella vecchia si perde poco.

  17. Matteo Says:

    Ciao a tutti, primo mio intervento su questo interessante blog che seguo da un po’, solo per aggiungere (non credo lo abbiate ancora citato ma forse mi sbaglio) Apt pupil, dal racconto L’allievo, nella raccolta Stand by me, con Joshua Jackson e Ian McKellen nella parte del vechio nazista.

  18. Marco Says:

    caspiterina, già! L’Allievo con Brad Renfro 😉 del regista de I soliti sospetti

  19. Teiresias Says:

    Lara, hai dimenticato la miniserie di Salem’s Lot, sostanzialmente fedele con il libro (tranne per il finale) e con attori del calibro di Sutherland (anche se Rutger Hauer…maaaaaaahhh!! Non m’ha convinto tantissimo…). Ma comunque moltissimi film devono a King, anche solo per idee.
    Personalmente io ho amato Misery per Kathy Bates (che fa una meravigliosa Annie), Stand By Me per le dinamiche fra i quattro attori protagonisti e The Mist (il perché lo sai XD): gli altri avevano alcune belle idee che però si sono perse in mezzo a tante cose, per esempio Tim Curry-Pennywise, oppure Christine (per quanto ami Carpenter, ho odiato quel film), o Secret Window…
    Mioddio, mi rendo conto adesso che scrivo che hanno fatto davvero TROPPI film dai libri di King. Specialmente guardandone i risultati.

    A quando la miniserie della Torre Nera *___*????

  20. Lara Manni Says:

    Credo non manchi molto alla miniserie.
    Porca miseria, ma quanta roba c’è?????

  21. Ema Says:

    no scusate una miniserie su la torre neraaaa? chi dove quando?

  22. Lara Manni Says:

    http://www.stephenking.it/index.php?option=com_content&view=article&id=341:la-torre-nera-arrivera-dopo-lultima-stagione-di-lost&catid=1&Itemid=2

  23. Ema Says:

    ma quindi mini un corno… sette film sette. E pensano di ringiovanire Clint Eastwood per Roland? 🙂

  24. Lara Manni Says:

    Bohhh! Sarà dura trovare un Roland, temo…

  25. Ema Says:

    voi chi ci vedreste? pure in altri ruoli… c’è da pensarci…

  26. Uriele Says:

    L’attore di Butterfly Effect truccato.

    Hanno fatto una miniserie di 8 puntate su alcuni racconti di King. La potete vedere qua:

    http://filmol.in/telefilm/incubi-e-deliri/

  27. Lara Manni Says:

    Ma grazie Uriele!!! Gran bel regalo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: