E se un giorno d’inverno una scuola di scrittura

Ho letto che nasce una Horror Factory sul cinema. Ho letto anche quali sono i temi che verranno affrontati. Anzi, li riporto qui.

Dalla fiaba popolare al cinema horror, fantasy e dark.
Le due strade iniziali: I fratelli Lumiere e la realtà – Meliès e la fantasia.
Freud ed “il Perturbante”. La paura del buio e dell’Uomo Nero.
Le contaminazioni e le influenze dalle altre forme di espressione: Da Jeronymus Bosch a Joel Peter Witkin, dalla pittura gotica al Pop Surrealism.
Il cinema espressionista tedesco.
Il cinema surrealista.
I mostri della Universal.
I film della Hammer.
I maestri dell’horror americani ed europei a cavallo delle due guerre.
La factory di Roger Corman.
L’horror e il fantasy italiano.
I sottogeneri dell’horror, e del fantasy.
Il cinema horror, fantasy e dark attuale.

E poi mi sono chiesta cosa succederebbe se la Scuola Holden decidesse di aprire una sezione dedicata all’horror e al fantastico letterari, e da dove partirebbe, e chi sarebbero i maestri italiani inseriti e quali le materie di studio.
Quello che divertirebbe me è questo:

– Gli archetipi e la loro evoluzione: fantasmi, demoni, vampiri, mostri, licantropi, zombie dai primordi a Twilight..
– Miti e fiabe oggi. Dei miti si è detto spesso. Quanto alle fiabe, Hansel e Gretel è un horror straordinario. E così dicasi di Scarpette Rosse. Per non parlare della Sirenetta.
– Gli horror e i fantasy dimenticati.  Lazzaro di Luigi Pirandello. I sessanta racconti di Dino Buzzati. Storie di spettri di Mario Soldati. Tutto Landolfi. Almeno Il castello dei destini incrociati e Le città invisibili di Calvino. I racconti fantastici di Tarchetti.
– Gli horror e i fantasy “nascosti”. Case history: La strada di Cormac McCarthy.

Non lo faranno mai, ma è bello pensarlo.

Ps. A proposito di cose belle. Qui trovate la recensione di Anita Book a Esbat. Commossa.

 

 

Annunci

Tag: , ,

13 Risposte to “E se un giorno d’inverno una scuola di scrittura”

  1. Gianrico Says:

    non lo faranno perché troppo di nicchia temo, la Holden cerca di fare numeri come tutte le scuole, come l’Istituto Europeo di Design.

    Pensa che io gradirei invece un taglio dedicato più alla fantascienza, alla costruzione scientificamente fondata di un racconto SF, insomma manco un sogno, visto che la SF è defunta, certo se non contiamo insecta ahahah

  2. Ayame Says:

    Aaaah, Scarpette Rosse! La mia fiaba preferita, sei l’unica che la conosce – tra chi conosco 😀 allora non sono sola!

  3. Uriele Says:

    La sirenetta fra gli horror? La mia preferita rimane la fiaba della fanciulla senza mani, quella rielaborata diventerebbe un gran bel horror (ok, più o meno è stato quello che ha gia fatto Burton con Edward Mani di Forbici)

    La fiaba completa:

    http://www.grimmstories.com/it/grimm_fiabe/la_fanciulla_senza_mani

    Anche Barbablù sarebbe un ottimo horror…

  4. Gianrico Says:

    beh anche la vita di Maria de Filippi se è per quello

  5. Laurie Says:

    Seriamente, preferirei che la Holden non affrontasse mai il fantasy o l’horror. Non mi piacciono in generale le scuole di scrittura. Non c’è un corso per imparare a scrivere, semmai si possono insegnare le regole ma come usarle bene si impara praticando tanto. Si può dire di tanti mestieri ma mi sembra più vero per la scrittura.
    Però corsi in cui si tratta il genere non sarebbero male eh. Riuscire anche a sottolineare come autori considerati mainstream siano stati influenzati dal fantastico in ogni suo declinazione… e viceversa.

  6. Lara Manni Says:

    Laurie, neanche io lo voglio. In realtà quelli che ho elencato sono gli argomenti di cui mi piacerebbe discutere con lettori e scrittori di horror e fantasy 🙂
    Ayame, evviva!
    Uriele: certo, la Sirenetta. La Sirenetta è un mostro che si sottopone a una metamorfosi dolorosissima per amore (essere dotata di piedi le dà, nella versione originale, lo stesso dolore che si prova nel camminare sulla lama di un coltello). Un mostro che alla fine si dissolve in favore di una ritrovata armonia degli uomini. Ci si potrebbe tirar fuori un horror meraviglioso. Sì, anche su Barbablu. E Cenerentola? Che nelle prime versioni decapita la matrigna? 🙂

  7. Mel-chan Says:

    Ma che argomento ineterssante *______*
    *non è fissata di fiabe, noooo*

    Alle fiabe horror, non mi horrora solo la sierenetta ;_; , ma su Hansel e Gretel sono PERFETTAMENTE d’accordo: nel senso
    °_°

    … e poi oh, ma… vogliamo parlare di Alice?
    A me faceva terrore pure la versione della Disney, nel senso ._. *ricorda i fiori maledetti e scappa urlando*
    Veramente, sono in kyakyante ansia di Alice di Burton ❤
    In ogni caso, secondo me ne verrebbe fuori una cosa terrificante ._.'''
    (ripeto, io poi sono particolarmente sensibile sull'argomento, ma, anche tralasciando la Regina che vedo più come psicopatica, anche solo il Gatto e l'idea di tutto sarebbero capaci di afre di tutto, alla gente, secondo me.

  8. Null Says:

    Se è per questo in una delle prime versioni orali di Cappuccetto Rosso, il Lupo, travestito da nonna, le fa mangiare della carne e bere del vino,in realtà il cadavere fatto a pezzi della vecchia e il suo sangue (un wtf è d’obbligo). Poi il Lupo invita la ragazza a spogliarsi un indumento alla volta, buttandoli nel fuoco (ma credo nessuno abbia mai avuto dubbi delle allusioni sessuali insite in ogni versione della fiaba), quindi la invita a venire con lui sotto le coperte e la sbrana.
    Sempre su Cenerentola esiste anche una variante in cui una delle sorellastre, per riuscire a calzare la scarpetta, si fa convincere dalla matrigna ad amputarsi l’alluce con delle grosse forbici.
    L’inganno viene scoperto a palazzo il mattino seguente, notando l’interno della scarpa abbondantemente macchiato di sangue…
    Senza contare che in Biancaneve la regina chiede al suo guardiacaccia di uccidere la ragazzina e portarle il suo cuore per poterselo mangiare (dovrà accontentarsi di quello di un cinghiale a causa di un rigurgito di coscienza del sicario).
    Ci sarebbe anche una versione della Bella Addormentata in cui il Principe, assai poco cavallerescamente, la stuprava nel sonno, ma questo non è un elemento gore/horror.

  9. Lara Manni Says:

    Null, questa non la sapevo: quella del cadavere della nonna. Quella della sorellastra di Cenerentola sì, e anche quella di Biancaneve (che viene, prima dell’escamotage mela, avvelenata dai denti di un pettine conficcati nella testa dalla matrigna).
    Mmmm…che tentazione le fiabe…

  10. Ireland Says:

    L’importante è mai avere in un corso la materia Estetica. Mai.
    E le fiabe in versione originale sono manna dal cielo, ispirano molti artisti e sono quanto di più crudele esista. Così la morale entra bene in testa, chiaro. A me da piccola raccontavano di un bambino che non si tagliava mai le unghie e queste gli si arricciavano e gli si conficcavano nella carne. Da allora nessuno nella nostra classe dimenticò di tenerle pulite o di tagliarle. sempre lo stesso bambino giocava coi fiammiferi e un giorno si dette fuoco bruciandosi tutta la pelle.
    Era un bambino acuto.

  11. Ireland Says:

    Ah, scusate poi il doppio post, ma in Biancaneve la questione del cuore viene citata pure da Disney, anche se l’atto del sicario di uccidere l’animale e darlo alla regina per mangiarlo viene solo raccontato.

  12. Uriele Says:

    Bhè sì, effettivamente non l’avevo mai vista sotto questo punto di vista. Potrebbe venir fuori una bella favola horror o gore

  13. Lara Manni Says:

    Magari un giorno lo faccio, Uriele.
    Ireland, aspetta…quella fiaba me la ricordo. Ma non ricordo il titolo!!!
    Ps. Estetica mai, concordo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: