Puoi?

Credo che sia la cosa più eccitante della scrittura. Puoi? Posso. Posso far tornare a posto tutti i tasselli? Posso rendere credibile l’aragosta gigante sulla spiaggia? Posso cacciare il mio personaggio in una situazione senza uscita e poi salvarlo?
L’ultima è l’opzione che mi piace di più, anche se non ho ancora avuto il coraggio di immaginarne una.  Perchè è difficilissima, e a volte la strategia può soffocare il testo.
Mi viene in mente Il gioco di Gerald di King. Protagonista che viene ammanettata al letto dal marito assai bastardo scopo giochino sessuale. Sono soli in casa isolatissima. Lei ha la pessima idea di ribellarsi e di sferrare un calcione al marito: il quale ha un infarto e muore. Le chiavi delle manette non sono raggiungibili. Che fare?
Un bel po’ di cose, come sa chi ha letto il romanzo.
Poi mi viene in mente Intensity di Dean Koontz: anche in quel caso, abbiamo una fanciulla legata a una sedia dal supercattivo, in una casa naturalmente irraggiungibile e per di più circondata da una muta di doberman assassini. Puoi? Può.
In queste ore leggo articoli che osannano a Buried, film che si basa sullo stesso principio: personaggio chiuso in una bara con a disposizione solo un accendino (per altri, una torcia)  e un cellulare. E niente colpi di scena epici alla Kill Bill. Naturalmente andrò a vederlo: anche perchè per riuscire non soltanto a risolvere la situazione, ma a tenere desta la tensione e l’attenzione con un’unica location devi essere davvero bravo.
Unità di tempo, luogo, azione: già sentita, vero?

Annunci

Tag: , ,

15 Risposte to “Puoi?”

  1. akeley Says:

    Si… si può! Non è facile… ma quando ci riescono (gli altri, non io) il risultato è staordinario

  2. Lara Manni Says:

    E dev’essere esaltante da scrivere, oltre che da leggere. Prendo appunti.

  3. Ema Says:

    se non ricordo male tutto Esbat è basato sul “Puoi? Posso.”
    E’ palese che è un concetto che ti sta a cuore, e sinceramente pure a noi che leggiamo. D’altronde chi, se non l’Autore, “può”? Non leggerei nemmeno se Lui/Lei non “potesse”.
    Non è che puoi, DEVI!

  4. Lara Manni Says:

    Vero, Esbat non solo è basato su quel concetto ma lo cita esplicitamente 🙂
    Però qui stavo alzando il tiro:
    – unica ambientazione (nel caso di Buried, la bara, nel caso del Gioco di Gerald, un letto)
    – unico fine: il personaggio deve liberarsi dall’impiccio in cui è finito
    – unico protagonista.

    Così, è molto più dura. 🙂

  5. Ema Says:

    e perché? basta un bel deus ex machina all’ultima pagina, proprio mentre i terribili tarli mannari hanno cominciato a smangiucchiare la carne del protagonista il cui DNA sta già cambiando e la cui umanità sta già inesorabilmente scivolando via, quando… arriva Muhahahahrieln Cullen, antichissimo elfo/vampiro/gnocco (o gnocca a seconda del sesso del protagonista) che con un sol leggiadro soffio dissoda la terra, dissotterra la bara, fa scomparire le zecche e ricostruisce il DNA del Nostro, ma AHIME’ fa un errore!
    (ultime due righe)
    ahiahiahi quale errore avrà commesso l’impareggiabile elfo/vampiro/gnocco che però in virtù di questo errore è pure tanto umano, ma quanto ci piace? Semplice, e terribile: per sbaglio, ha reso immortalmente gnocco/a anche il protagonista, le cui orecchie sono per un deprecabile errore diventate a punta.
    E tutto finisce col commento del Nostro che nell’ultima parola si esprime sulla disavventura:
    “Macchissenefrega!”.
    😉

  6. demoniopellegrino Says:

    ma anche tu quindi NON schifi il gioco di Gerald? No, perche’ a sentire tutti pare sia un troiaio allucinante. E invece a me piacque. Lo lessi molti anni fa, ma mi piacque. Quando arriva il cane…quando si libera…

  7. Lara Manni Says:

    E no che non lo schifo! E’…diverso dal solito King. O meglio, è un King che affiora a volte (avviene anche in un racconto de Al crepuscolo) e che gioca più sull’intelligenza che su altre corde.
    Però le corde emergono ugualmente. Il cane, appunto. Il bicchiere d’acqua. La faccia. E chi lo dimentica?
    E poi, il legame con Dolores Claiborne…
    Ema: 🙂

  8. Laura Costantini Says:

    Io amo quasi tutto quello che ha scritto King (a parte la produzione compresa tra L’acchiappasogni e La storia di Lisey). Il Gioco di Gerald e’ un libro geniale.

  9. Lara Manni Says:

    Sai che l’acchiappasogni è uno dei pochissimi libri di King che mi ha lasciata tiepida? Non so esattamente perchè: è come se avesse voluto indossare la pella del vecchio se stesso senza esserlo più…

  10. Ema Says:

    l’acchiappasogni va preso per quello che è, a mio avviso: un divertissement di sottogenere (fantahorror/invasione aliena/virus, anzi BYRUS ;)). Ho letto una marea di commenti negativi della serie “ah, King è un bastardo, ci vuole prendere in giro”. Ma nooo… si è cimentato, ha buttato dentro palesemente tutti i cliché che gli sono venuti in mente (CITANDOLI espressamente cavolo! ripley, apocalypse now e chi più ne ha più ne metta) e ha ben mescolato, mettendoci dentro l’amore per le compagnie di bimbi cresciuti e i poteri mentali. Un-duè-trè ed ecco l’Acchiappasogni. Letto, goduto, archiviato. Se piace il genere.

  11. Lara Manni Says:

    Non so: altre volte King ha preso un canone e l’ha rivoltato come un calzino. Lo ha fatto con Le notti di Salem, con L’ombra dello Scorpione, con Shining…stavolta ho intuito lo sforzo più che il divertimento, come se fosse sotto il pelo dell’acqua e cercasse di tirare su la testa.
    Presa in giro no, mai: penso che King abbia un enorme rispetto per i suoi lettori.

  12. Ema Says:

    dopo on writing ne sono convintissimo anche io.

  13. Lara Manni Says:

    Infatti, mi piacerebbe sapere come giudica a posteriori l’Acchiappasogni…So che è stato tiepido con il duo Desperation/Vendicatori, per esempio, che a me non è dispiaciuto affatto.

  14. Fabio Catalano Says:

    Mi piacerebbe saper sfondare il legno della bara a colpi di pugni… Comunque non ho nemici così sadici 🙂

  15. Lara Manni Says:

    🙂
    Immaginateli. La regola del “puoi?” è fatta appositamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: