Un acchiappapolli non fa primavera

Torno sugli acchiappapolli perchè mi rendo conto che c’è parecchia disinformazione sulla questione. Uno degli argomenti che vengono citati a favore della pubblicazione a pagamento è “se pubblico in rete mi fregano l’idea”.
Bene, giova ricordare che esiste una faccenduola nominata creative commons: trovate un bel ripasso sul sito. E funzionano: nel senso che se qualcuno davvero dovesse appropriarsi di un vostro testo, potete usare le famigerate vie legali esattamente come se il plagio fosse avvenuto da carta a carta.
Per dire, ha scelto di pubblicare sul web anche Silvana De Mari dopo la rottura con Salani (GL racconta in modo assolutamente condivisibile tutta la faccenda): non parliamo di una signora spuntata sotto un fungo, ma di una delle più vendute autrici italiane di fantastico.
Per dire ancora, ha usato NON gli editori a pagamento ma il self publishing uno scrittore famosissimo come Giuseppe Genna.
Bella forza, dirà qualcuno, ma lui è uno già pubblicato, ma anche la De Mari è una già pubblicata: e io che ho il mio romanzo nel cassettino? E tu insisti, rispondo. Non c’è nessuna altra via: anche perchè il web costituisce un titolo sicuramente più autorevole di un acchiappapolli. Mettetevelo in testa.
A proposito di web: il Duca ha ideato un concorso per racconti steampunk. Per chi vuole divertirsi, qui ci sono tutti i dettagli.

Annunci

Tag: , , , ,

10 Risposte to “Un acchiappapolli non fa primavera”

  1. Ayame Says:

    A dir la verità il copyright nasce nel momento stesso in cui l’opera viene composta. Il problema sta nel provare di essere stati i primi a scriverla: autospedirsi un pacco tramite raccomandata o una mail con posta certificata è sicurissimo ed economico.
    Senza cercare SIAE e corbellerie simili che, parer mio, fanno male alla collettività.

  2. Elfo Says:

    Poi posso, per una volta, parlare da”recensore”? La politica del blog per cui scrivo recensioni è quella di NON CONSIDERARE le edizioni a pagamento. Come lo facciamo noi, così agiscono anche critici ben più quotati di me. Pubblicare a pagamento secondo me è un modo di SEPPELLIRE la propria opera nei magazzini di una qualsiasi casa editrice. Copie del vostro testo che non vedranno mai la luce. Se ciò che cercate è la visibilità allora internet è più conveniente ( e gratuito!) nonostante sia un mare magnum. Poi sono certa che se il lavoro vale, prima o poi qualcuno se ne accorge. Magari non si diventa ricchi e famosi, ma chi lo fa per la ricchezza mi sa che fa prima a cambiare mestiere. 😀

  3. Melmoth Says:

    Ho letto le ultime due entry del Blog della De Mari e… niente, sono sconvolto. Scusate l’ OT ma sto cercando di riprendermi con un caffe a ginseng.

  4. G.L. Says:

    Copy? E’ ancora più semplice di così. Prendi la mia roba, il mio racconto, il mio romanzo, pubblichi. Bravo. E adesso il secondo romanzo e il secondo racconto chi lo scrive? 🙂

  5. Giovanni Padrenostro Says:

    Ciao,
    ho portato la mia testimonianza sul blog di D’Andrea G.L.

    Cari aspiranti:
    Non fatelo. Non pubblicate a pagamento. è una cazzata. Non esiste nessun complotto giudaico massonico e nessuna casella di posta che inghiotte i manoscritti e li digerisce.
    Devono pagare voi per scrivere.
    E poi, pubblicare un libro non significa nulla, se non si è scrittori (dentro).
    Non è come dire ho l’auto X o Y.

    Come suggerisce Lara: insistete.
    Scrivete, scrivete, leggete, leggete.
    E utilizzate il web, in caso non vogliate fare morire i vostri scritti, il vostro apprendistato. Sopratutto se non siete circondati da persone che vi consigliano o che leggono i vostri scritti, o se siete insicuri.
    Non abbiate paura del plagio.
    Se non vi fidate: autospeditevi il manoscritto con raccomandata.

    Non alimentate queste case editrici.

    G.Padrenostro

  6. Flash Says:

    Io sono d’accordo con GL. Che mi risulti, il plagio di un esordiente è semplicemente una cosa che non esiste (almeno per quanto riguarda la narrativa). E’ molto, molto più comodo ed economico mettere sotto contratto l’esordiente stesso.

  7. Ayame Says:

    Ma chi vuoi che plagi un esordiente, poi 😀

  8. Laurie Says:

    Sinceramente non condivido le ragioni per cui la De Mari ha rotto con la Salani, ma la sua idea di pubblicare online mi sembra sensata.
    Cioé che se proprio davvero non ti piace come lavora una casa editrice, tagli. I lettori ti daranno ragione o torto, visto quanto siamo cattivi xD

  9. Lara Manni Says:

    Ci sto ripensando…

  10. EAP ed ENAP « V(ale)ntinamente Says:

    […] EAP ne parlano, questi giorni, Loredana Lipperini, Lara Manni e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: