Altre meditazioni

Erika ha segnalato Esbat nella home page di Efp e io ringrazio commossa.
Girovagando per il web scopro invece cose che mi fanno pensare: ovvero, risentimenti che non immaginavo sul fatto che una fan fiction sia diventata “pari pari” un romanzo, e sul fatto che una cosa sia una fan fiction, un’altra un libro nato per essere tale.
Qui potrei cominciare la solita diatriba sul significato del fanwriting, magari ricitare Tom Stoppard e Ludovico Ariosto e la pratica (ben più antica di Internet) di ispirarsi a storie esistenti per costruirne altre. Ma ho la sensazione che sarebbe inutile. Insomma, la vecchia faccenda di McLuhan sul mezzo e il messaggio: se una narrazione nasce come fan fiction, tale ha da rimanere. La penso diversamente, come credo si sia capito dopo un paio d’anni di blog: ma non siamo tutti uguali.
Quello che mi dispiace, invece, è che si pensi di me che sia una che se la sta tirando e che conceda la propria attenzione solo a chi le dice “bene brava bis”.
Cosa dicevo due post fa? Con le debite e felici eccezioni (Erika in testa, che il dio della scrittura ce la conservi sempre), le reazioni meno gradevoli su Esbat sono venute dal fandom.
E pazienza.

Annunci

Tag: ,

8 Risposte to “Altre meditazioni”

  1. Giobix Says:

    mh, discussioni sulla pura invidia a parte, leggendo i tuoi ultimi post stavo pensando che comunque nel fandom(che conosco poco) ci sia ancora una voglia di raccontare per il gusto di farlo, nonostante i problemi che hai evidenziato.
    io conosco di più i forum per aspiranti scrittori, e lì mi pare che vada pure peggio. Invidia, maggiore tecnica di base forse, e ispirazione a modelli più alti, ma anche troppa attenzione alle case editrici (sono le discussioni più gettonate) molta voglia di postare il proprio racconto, e pochissima voglia di leggere e commentare quelli degli altri!
    credo che questa voglia di pubblicazione e di affermazione personale attraverso la scrittura stia rovinando tutto. crea invidia, supponenza, voglia di emulare chi ha successo.
    nel fandom, a quanto dici, c’è la rincorsa a modelli scemi di successo, nei forum di scrittura invece, c’è l’invasione di pappette autoreferenziali poco digeribili che rincorrono modelli mainstream.

  2. Lara Manni Says:

    Certo che c’è, Giobix, per fortuna,la voglia di raccontare. E sono d’accordo sull’ansia da pubblicazione che porta anche a voler sminuire chi ha pubblicato. Quel che mi lascia esterrefatta è che ci sono persone del fandom che finchè Esbat era una fan fiction erano deliziate, ma appena è diventata romanzo sono diventate implacabili fino alla ferocia, e che continuano peraltro il lavoro sotterraneo di maldicenza.
    Lo so, è una ferita personale e non bisognerebbe mai partire da se stessi per fare discorsi generali. però è difficile.

  3. giulia Says:

    Ciao Lara, posso sfruttare senza dignità la tua conoscenza delle fan fiction? Tanto la dignità sul web non esiste.
    Ho guardato un po’ il sito EFP, ma la mia ignoranza generale non è stata colmata del tutto. Ad esempio non mi è chiaro se una fan fiction deve sempre partire da una storia già conosciuta (tipo harry potter, evangelion ecc…) oppure se può essere al 100% farina del mio sacco, quindi con personaggi e ambientazioni nuovi ai lettori.

    Detto questo, quoto Giobix: la voglia di scrivere è tanta, quella di leggere quasi inesistente (soprattutto se si parla di esordienti, scrittori non pubblicati o che non siano parenti o affini). Io stessa per vincere la mia pigrizia mi sono iscritta alla lettura incrociata, che mi costringe a leggere e commentare opere anche molto lunghe di altri anonimi e non famosi scrittori. In questo modo, credo, si resta un po’ di più con i piedi per terra.

  4. Lara Manni Says:

    Giulia, puoi anche andare nella sezione originali e scrivere una storia che non riprenda altre vicende. Oppure puoi inserire tutti i personaggi e le ambientazioni che desideri in una storia data. A piacimento.

  5. Andrea Says:

    Lara, ascolta il consiglio di uno scemo: la gente (io in primis) vuole leggere il seguito di Esbat! Lascia perdere tutto il resto, concentrati su questo…

  6. Lidia Perfinta Says:

    Lara, concordo con Andrea.
    Tu scrivi. In fondo è la storia che conta, non chi la racconta, giusto? 🙂

  7. giulia Says:

    Grazie Lara.

  8. Lara Manni Says:

    Giusto Lidia, come dice zio Stevie 🙂
    Andrea, grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: