Cercasi semiologo

La funzione del fantastico stesso è quella di suscitare una reazione, di comunicare oltre il normale modo di comunicare. La letteratura,  per comunicare oltre il normale ed il reale, doveva introdurre l’irreale nel reale per sottolineare questo superamento.

Posso dire che desidero con tutto il cuore qualcuno che faccia polpettine del signor Todorov? Che ha i suoi indubbi ed enormi meriti. Ma il suo saggio sulla letteratura fantastica è del 1970. Sono passati quarant’anni. Quaranta. E io ho la sensazione che chi non conosce la narrativa fantastica si rivolga a quel testo come a un’icona inattaccabile e che prescinde da quel che sta accadendo davvero, in Italia e fuori.
Urge nuovo semiologo. Anche non barthesiano. Grazie.

Annunci

Tag:

22 Risposte to “Cercasi semiologo”

  1. Carlotta Says:

    Suggerimenti? Soluzioni? Fuori i nomi insomma.

  2. Valberici Says:

    Non preoccuparti, sono pronto a scommettere che il 99% dei lettori non sa chi sia Todorov e il 90% non sa cosa sia la semiologia. 😉

  3. Lara Manni Says:

    E’ un problema. Non ho i nomi perchè non frequento abbastanza i semiologi. Mi sto rendendo conto però che non ci si può basare sui sacri testi senza rendersi conto della – perdonate l’ossimoro – realtà del fantastico attuale.

  4. Vale Says:

    Nome “banale”?
    Umberto Eco.

    Banale è la mia scelta, precisiamo. Eco mi piace tantissimo. Non dimentichiamo che lui scriveva saggi sui fumetti quando i fumetti erano ancora considerata “roba da bambini”…

  5. superdelly Says:

    Non sai quanto conosca a memoria Todorov.
    Per una cha ha fatto una tesi sperimentale sul genere Fantasy e ha cercato di “ingabbiarlo” in qualche sistema è stato impossibile.
    Non esiste NESSUNO che abbia parlato del Fantasy con la realtà negli occhi. Nessuno.

  6. Lara Manni Says:

    Non è affatto banale. Il problema è che occorrerebbe un semiologo che conosca e ami la materia. Specie quel che è avvenuto negli ultimi vent’anni, direi. Perchè se qui stiamo ancora ad analizzare gli inizi del Novecento stiamo freschi. Con tutto il rispetto per il Novecento medesimo.

    Superdelly: e il dramma è che per chiunque si occupi di letteratura e NON di fantasy Todorov continua a essere il Verbo.

  7. Alessandro Forlani Says:

    Ovvero: ritieni superate le posizioni di Todorov o senti la necessità di un nuovo, robusto saggio sull’argomento?

    Oltre ad un semiologo servirebbe uno strutturalista, credo. Anche se in effetti persino lo strutturalismo è un pò datato.

    Ma in ciò che ci hanno lasciato c’è ancora materia di cui a lungo discutere, suvvia…

  8. Lara Manni Says:

    Guarda Alessandro. Robusto o meno, sento l’esigenza di svincolare l’attenzione (o la critica) al fantastico da un testo che è di certo importantissimo, ma altrettanto certamente datato.

  9. Vale Says:

    Beh, non c’era Gaiman. Non c’era Pratchett.

  10. Melmoth Says:

    Todorov (sul cui saggio sul fantastico ho scritto la tesi) è interessante proprio petrchè è così limitato e così ‘settario’. In altre parole è interessante perchè solleva più domande che risposte. Ma sono d’accordo che c’è bisogno di qualcuno di nuovo che cerchi queste risposte, e soprattutto che ponga nuove domande.

    Non sono sicuro invece di una cosa: ma a te che scrivi, un semiologo del fantastico a che serve?

  11. Lara Manni Says:

    A me non serve, infatti, Melmoth. Ma chi scrive ha a che fare con diversi interlocutori che, ahi, usano spesso quei limitatissimi e settarissimi parametri.

  12. Melmoth Says:

    E chi se ne… ahem. Peggio per loro.
    Rosemary Jackson? Ma il suo saggio è quasi contemporaneo di quello Todoroviano e parla quasi esclusivamente di narrativa gotica. Comunque è buono.

  13. Lara Manni Says:

    Peggio per loro…e per chi scrive, nel momento in cui, ripeto, devi averci a che fare.
    Jackson assolutamente. La Bibbia è Danse Macabre.

  14. Ema Says:

    cioè serve ai critici di professione, presumo…
    Oppure come pura materia di studio e riflessione. Qualcuno per caso ha seguito o segue i corsi di Eco a Bologna?

  15. Lara Manni Says:

    Allora, per dirla tutta.
    Io ho la sensazione che improvvisamente ci stia accorgendo del fantastico italiano, e fin qui niente di nuovo. Ma penso anche che almeno alcuni stiano cercando di normalizzarlo, di renderlo innocuo, inoffensivo, “realistico” e dunque plausibile. E quando devono fare ciò, citano Todorov come il Verbo. Cosa non buona, non giusta e un filino pericolosa.

  16. Luca Centi Says:

    Alcune riflessioni di Todorov sono ancora attuali. Io avevo letto solo il suo saggio più importante, ma causa tesi ho dovuto recuperare anche altri suoi testi. Diciamo che ci sono delle frasi che, se estrapolate dal contesto, assumono un significato strano. In sostanza, per Todorov, il fantastico esiste finché dura nel lettore lo stato di dubbio, finché permane l’alternativa fra credere o non credere agli avvenimenti descritti. Secondo me è ancora attuale. Certo, da qui a prendere per oro colato ogni sua affermazione ce ne passa. Chi si riduce a questo ha poca conoscenza del genere e dovrebbe solo stare zitto, concordo :/

  17. Lara Manni Says:

    Il problema, Luca, è che non solo non tacciono, ma fanno. Fanno. Fanno! 🙂

  18. Melmoth Says:

    Si. In Todorov ci sono molte anomalie. Non solo esclude il ‘fantasy’, ma per esempio, anche autoro come Kafka. Invece è interessante un’altra cosa. Che il nostro parta da una percezione che è intellettuale ed emotiva insieme, quella dell’incertezza epistemologica, e che da quella costruisca le sue categoria (chi ci è dentro e chi è fuori).

    Sarebbe interessante spostare l’accento sul Sense of Wonder e vedere cosa succede… By the way, ho finalmente letto per intero la conferenza di Tolkien sulla fiaba. Minchia. Pur con tutti i suoi limiti, eccezzionale…

  19. Lara Manni Says:

    Ci torno oggi, Melmoth. Perchè il rischio – e un giorno vi spiegherò bene perchè – è assolutamente vicino e reale (ah ah, reale…)

  20. Melmoth Says:

    Riflettevo che è anche una questione di lingua.
    Todorov scrive in francese. Quindi non parla di ‘fantastico’ parla di ‘fantastique’. Il quale -anche in ambiengte anglosassone- è un termine che si riferisce a un tipo di racconto, di solito francese, della seconda metà dell’Ottocento (Gautier, Maupassant). Chiarito questo, le posizioni di Todorov risultano meno assolutiste: non sta proprio dando una definizione valida per tutti i tempi e luoghi (anche se è vero che tende alla generalizzazione e all’atteggiamento: questo è il “VERO” fantastico).

  21. Lara Manni Says:

    E questa è un’osservazione saggia, Melmoth. Vediamo cosa ti ispira il Calvino quotidiano 🙂

  22. Melmoth Says:

    Lo so, sono molto saggio, me lo dicono anche i miei studenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: