La cosa là fuori che sta arrivando

Quanti post ho dedicato alla paura? Non li conto, ma sono sicura che siano tanti. Anche perchè, credo, fare paura al lettore è la cosa più difficile del mondo.
Lo stesso zio Stevie non ci riesce spesso: per me, una delle sue pagine più terrorizzanti è in Shining. E’ quando Danny è nel corridoio, ed è sicuro che, alle sue spalle, l’estintore si stia staccando dalla parete e stia strisciando verso di lui per poi ergersi come un serpente e…
Bene, ho appena finito di leggere Il porto degli spiriti di Lindqvist: magnifico, e diverso dai due precedenti. Persino più bello di Lasciami entrare, direi.  Immagino che farà storcere il naso ai numi tutelari del pov unico, perchè qui la narrazione è frammentata, procede per flash back, attua un cambio vertiginoso dei punti di vista, abbonda di  fermo-immagine. E  contiene una scena di puro, delizioso terrore che mi ha ricordato l’estintore di Shining: proprio perchè il personaggio in questione regredisce all’infanzia (o viene posseduto da un infante, altro non dico) e i colpi alla porta, e i passi che si avvicinano portano chi legge all’indietro e nel buio.
Da manuale. Da mille manuali. Da imparare a memoria.

Annunci

Tag: ,

16 Risposte to “La cosa là fuori che sta arrivando”

  1. Andrea Says:

    Lasciamo entrare era un piccolo gioiellino, se Il porto degli spiriti è anche più bello devo assolutamente procurarmelo! 🙂 Ma – domanda piuttosto oziosa (me ne rendo conto…) per Lara scrittrice – secondo te è più difficile fare paura al lettore o farlo ridere? Con la paura ti sei già cimentata pubblicamente (Esbat) con la risata?

  2. Lara Manni Says:

    Più difficile fare paura. 🙂

  3. l3la Says:

    *Manu aggiunge un nuovo libro alla lista di quelli da comprare*
    Di questo passo la prossima volta che vado in libreria dovrò fare un mutuo 😀
    Ma se è meglio di Lasciami entrare non può sfuggirmi 😀

  4. Lara Manni Says:

    Secondo me sì. E’ più maturo e più completo. E’ una storia di fantasmi, ma è riduttivo in effetti definirla così….

  5. Giobix Says:

    “La cosa là fuori che sta arrivando” è uno dei miei spauracchi preferiti. Ho letto Terra di Nessuno di Baldini e mi ha angosciato parecchio, nonostante sia un racconto semplicissimo. Tutto giocato sul bosco fuori che ti osserva, mani invisibili che lanciano sassi contro la porta nella notte, il non sapere cosa si ha di fronte.
    trucchi semplici, forse banali, che puntano più sull’assenza di risposte piuttosto che sulla minaccia di qualcosa di definito. Ma su di me fanno sempre effetto 🙂

  6. Lara Manni Says:

    Anche su di me: perchè è la stessa faccenda della forma sotto il lenzuolo citata da King. E’ quello che non vedi, che sai esistere, e che sai in arrivo (o in attesa) che ti manda il cuore in gola. E, per quanto semplice da dire, è DIFFICILISSIMO da scrivere. Giuro.

  7. Giobix Says:

    Eh, lo so, perchè sto tentando di scrivere proprio una storia di questo tipo. Rileggendola mi pare che il ritmo sia troppo lento. Se è troppo veloce o troppo lento, non funziona. Dovrei azzeccare il ritmo giusto e lavorare di sottrazione, niente accumuli di effettacci e cazzatine, ma è una parola. 🙂

  8. Lara Manni Says:

    Pagg. 288-291 de Il porto degli spiriti. Mi saprai dire. 🙂

  9. Giobix Says:

    ok, grazie per la dritta 😉

  10. Lara Manni Says:

    IO ho avuto paura. E guarda che ormai sono smaliziatella.

  11. Andrea Says:

    C’è una sequenza in “Lasciami entrare”: in una cantina un ragazzo e un vampiro un po’ “particolare” imprigionati insieme al buio. Non dico altro per non rovinare la sorpresa (e che sorpresa!) a chi no l’ha ancora letto, comunque quella sequenza, secondo me, era veramente paurosa. Ad ogni modo, adesso che ci penso, qualcosa di “comico” (e, secondo me, anche molto divertente) scritto da Lara c’è, riguarda Esbat ed è proprio su questo sito…

  12. Aislinn Says:

    Se questo è il tuo consiglio, supererò le perplessità che mi ha provocato L’estate dei morti viventi, che, come ho scritto recensendolo nel mio blog, mi ha conquistato immediatamente, deludendomi però man mano che la storia proseguiva. Metto in lista:-)

  13. Lara Manni Says:

    Andrea, err…quello era un giochino 🙂
    La sequenza di Lasciami entrare che citi è esemplare: ma qui Lindqvist, per me, si supera. Perchè non ti aspetti quella scena: anzi, arriva dopo un momento di bonaccia che fa pensare che il pericolo sia ormai lontano. Ah, che bravo!
    Aislinn, L’estate dei morti viventi è un romanzo molto strano: è un bel romanzo, tristissimo e secondo me volutamente tenuto irrisolto. Questo è un gioiello.

  14. Andrea Says:

    Non ti schermire Lara, il “giochino” (come lo chiami tu) era veramente molto divertente 🙂 Conferma un po’ una delle mie assurde teorie (assolutamente non dimostrabile…): lo scrittore che si destreggia bene con la paura spesso nasconde anche una notevole vena ironica.

  15. Lara Manni Says:

    E per questo dico grazie-sai.
    Ma, davvero, magari un pochino pochino di ironia la possiedo: la comicità, temo, è faccenda da grandissimi. 🙂

  16. Paolo E Says:

    Comprato ieri! Non raccontatemelo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: