Se lo dicessi in una riga

A proposito de La bambina che amava Tom Gordon. Si può raccontare in una frase, giusto? Bambina di nove anni si perde nel bosco, si sente osservata e seguita, infine incontra la presenza e la vince. La stessa sintesi si può applicare a molte buone storie. Ingiustamente calunniato, perde l’amore e le speranza, torna ricchissimo e compie terribile vendetta. Voilà Il conte di Montecristo. Padre e figlio cercano di sopravvivere dopo un disastro che ha cancellato la vita sociale come la conosciamo. Ed ecco La strada di McCarthy.
Bene, io non riesco mai a sintetizzare le storie che scrivo. Ci ho provato ieri in un messaggio, a proposito del romanzo nuovo, e veniva fuori qualcosa di contorto e poco chiaro. C’è un luogo che si nutre di infelicità. Sì, e poi? C’è una donna che è predestinata a quel luogo. Bene, e dunque? Questa donna è innamorata fino all’ossessione, ma lui…e poi, ecco, c’è una strana venditrice di abiti. Ah, e c’è una rosa canina. Sì, c’è anche Andrea Zanzotto.
So che questo potrebbe bollarmi come scrittrice contorta (o peggio). Ma annuncio pubblicamente di non avere il dono dell’auto-sintesi.
Torno alla cornacchia.

Annunci

Tag: , , ,

8 Risposte to “Se lo dicessi in una riga”

  1. Melmoth Says:

    Non sei la sola. Non è sintomo di cattiva scrittura o di niente. Dipende dal tipo di storie, e da che punto si è nella stesura. A mio modesto parere parlare del proprio lavoro quando esso è in fieri è mortale; un po come quella scena in Roma di Fellini in cui gli scavatori della metropolitana scovano una camera sotterranea piena di affreschi romani e quelli a contatto dell’aria si dissolvono (scrivere con la porta chiusa, direbbe S. K.). SI scrive anche per capire che cosa si sta scrivendo. Ma davvero, dipende.

  2. A Tuscan Foodie in America Says:

    la strana venditrice di abiti mi ricorda qualcosa…o sbaglio???

  3. Lara Manni Says:

    Non sbagli, messer toscano. E’ proprio madame Souza.
    Melmoth, io non sono capace neanche quando parlo del mio lavoro pregresso. Comunque sì, ho capito due giorni fa cosa sto scrivendo, in realtà…

  4. spud Says:

    Non sei una scrittrice contorta in quanto non scrivi storie contorte (almeno credo). Nella sintesi non devi infilarci tutti i partcolari della storia, ma solo l’essenziale. Altrimenti anche nel caso del libro di King avresti dovuto aggiungere che i genitori della bambina sono divorziati, che la bambina è ossessionata da un giocatore di football ecc.
    “Una donna innamorata fino all’ossessione di uomo, che non la ricambia, è predistinata a visitare un luogo che si nutre dell’infelicità delle persone”.

  5. Lara Manni Says:

    Spud, sei assunto. Giuro.

  6. Vocedelsilenzio Says:

    Io, molto semplicemente, e magari ingenuamente, credo che sia sempre difficile riassumere la propria opera. Proprio eprché è propria.

  7. Vale Says:

    Io di primo acchito non sono capace nemmeno di dire di cosa parla, il romanzo che sto scrivendo. Altro che dirlo in una riga.

  8. Lara Manni Says:

    Verrà, Vale. 🙂
    Voce, forse. Conta che io sono un’insicura nata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: