I buoni

Il video è stato realizzato da Gipi. Non ci sarebbe stato bisogno di precisarlo, dal momento che non è il nome (nel caso, quello di uno dei più intelligenti e sensibili disegnatori italiani) a contare, ma il video medesimo. Lo faccio solo per far capire che non si tratta di buonismo, indignazione di chi non frequenta la rete (Gipi ha un blog bellissimo), ipocrisia da anime belle.

Più egli contempla, meno vive; più accetta di riconoscersi nelle immagini dominanti del bisogno, meno comprende la sua propria esistenza e il suo proprio desiderio (Guy Debord, La società dello spettacolo).

Annunci

Tag:

11 Risposte to “I buoni”

  1. imp.bianco Says:

    Aveva ragione Quasimodo (il poeta e non il gobbo eh), siamo ancora quelli della pietra e della fionda. Barbari. Ora poi sul mio profilo di FB sto discutendo con una mia amica su questo fatto, io ho detto chiaramente che per me queste persone non sono tanto diverse dall’assassino, che sono barbari, secondo lei io non avrei “[…] nessun diritto di sputare sentenze su qualcuno che la pensa in maniera diversa, tutto qui.” Ma loro hanno il diritto di fare fare le belve assatanate. Qualcosa non mi torna.

    X-Bye

  2. Luciana Says:

    Magari scorrendo i profili di quegli utenti si trovano messaggi pieni di TVB e SMAK, e questo li fa sentire “buoni” sul serio…

  3. abo Says:

    Sembra ci sia in giro molta gente che si sente quasi obbligata a sottolineare la distanza morale che la separa dal “mostro”.
    Quello che è agghiacciante è che la procedura ottiene risultati opposti a quelli sperati.

  4. demonio pellegrino Says:

    E’ il problema della folla, sempre. La folla e’ una bestia. Sempre e comunque. E FB e’ folla, bestia.

    Poi queste stesse persone magari firmano appelli contro la pena di morte, no?

  5. imp.bianco Says:

    @demoniopellegrino: sai è la stessa cosa che ho pensato io, sul fatto che di firmare appelli contro la pena di morte…

    X-Bye

  6. Null Says:

    In verità in verità vi dico che fa più senso l’eccelsa proprietà di linguaggio esibita in alcuni di quei commenti, piuttosto che il loro contenuto.

    Per il resto, rilancio con ‘”Diffida di tutti coloro in cui è potente l’impulso a punire” (Nietzsche).

  7. giulia Says:

    E’ rabbia quella espressa, non mi sconvolge di certo.
    E d’altra parte pochi giorni fa i carabinieri hanno salvato dal linciaggio un ragazzo che ha violentato una bimba di 2 anni. Io non mi sarei comportata diversamente dalla madre della piccola, lo dico onestamente.
    Non firmo nemmeno contro la pena di morte, perchè so perfettamente che se qualcuno fa del male a una persona a me cara e me lo trovo davanti, io voglio vederlo morto.
    Come sempre è consigliabile conoscere da vicino certe situazioni per esprimersi, senza comunque pretendere di conscere quale reazione è la migliore o peggiore.

  8. Alessandro Forlani Says:

    Anche tu lettrice di Debord, Lara? 🙂

  9. Lara Manni Says:

    Anche io, e devo dire che è alquanto spaventoso pensare che quel libro è stato scritto svariati decenni orsono.
    Giulia: è molto difficile questo esercizio di identificazione, secondo me. Considera che l’identificazione è la prima cosa che ti schiaffano in faccia non appena provi a parlare di stato, di società civile e di tutto quello che ci distingue dal sangue chiama sangue. Ma una comunità non può e non deve basarsi sulla “pancia”.

  10. Giovanni Says:

    Aggregazioni forcaiole o modaiole?
    Una volta esisteva la maggioranza, adesso esiste l’onda. Ma se una volta la minoranza si contrapponeva alla maggioranza, adesso chi o cosa si contrappone all’onda? All’istinto, alla pancia?

    La dimensione privata e intima del dolore è stata spazzata via.
    Tutto è stato divorato dalla comunicazione di massa.
    Vedere e mostrare il lutto alla piazza è la nuova pratica di rispetto per i morti.
    “Anche lei avrebbe voluto che tutto fosse condiviso”.

  11. samueledeschain Says:

    Gipi ancora una volta si dimostra di una sensibilità toccante senza fronzoli nè artifici dialettici…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: