Personaggi/Axieros

Axieros, dunque.
Insieme a Hyoutsuki e Yobai, forma il trio di personaggi chiave. Tre romanzi, tre esseri soprannaturali. Esbat era centrato su Hyoutsuki, Sopdet sulla coppia Hyoutsuki-Yobai, Tanit sarà molto di Axieros.
Ora, cosa mi è saltato in mente di scegliere una Dea come chiave narrativa? Risposta: perché le mie storie, anche quella nuovissima e appena chiusa, ruotano, fin qui, attorno al femminile mitico.
Sulle origini di Axieros ho scritto qui e negli altri post che riguardano i demoni e gli dei.
Sui suoi fini reali, è giocoforza tacere.
Però anche su Axieros (nome che viene, come detto, da Samotracia) ho qualche curiosità da fornire: che va anche a rispondere a chi, molto giustamente, si interrogava nei commenti di ieri a proposito del canone estetico degli dei. Un semiodio è bello. Benissimo. Secondo quale canone e cultura?
Ecco, Axieros non è dicibile. Yobai, come leggerete, si trova in grande difficoltà a ricordarne le fattezze. Perchè, se in Esbat era una semplice spirale di fumo, in Sopdet Axieros si vedrà. Ma è possibile imprimersi nella mente le sembianze di una dea? E, soprattutto, quelle sembianze restano sempre identiche?
Seconda piccola curiosità. La mia Dea ride spesso. Anche qui, è un punto di vista personale e non certo filologico. Ma ho sempre pensato che una Dea custodisca dentro di sè una meravigliosa, terribile allegria. Quello che alcuni chiamano Caos, e che per Axieros è l’enorme potere del mutamento, non può che divertirla.
Se l’universo fosse stato creato da una divinità femminile, è possibile che il Big Bang fosse, in realtà, una risata di donna.

Annunci

Tag:

9 Risposte to “Personaggi/Axieros”

  1. Vocedelsilenzio Says:

    Non sono mai intervenuto in questa serie di post, anche se, come ti ho già detto, li leggo e li trovo immensamente interessanti. Però, questa frase:

    Se l’universo fosse stato creato da una divinità femminile, è possibile che il Big Bang fosse, in realtà, una risata di donna.

    … è troppo bella!

  2. Lara Manni Says:

    Grazie! 🙂

  3. Wu Ming 4 Says:

    “Ysobel era inginocchiata dinanzi a un’immagine sacra quando Henry Morgan irruppe nella piccola cella imbiancata a calce. La governante, una vecchia rinsecchita, si rincantucciò in un angolo alla sua vista, ma Ysobel lo guardò attentamente, notò il suo volto acceso, gli occhi semichiusi, furibondi. Udì il suo respiro grosso, affannoso, e con un sorriso di comprensione si alzò in piedi. La sua risata divertita risono alta, ed ella trattasi uno spillone dal corsetto assunse la posa di uno schermidore, un piede innanzi, il braccio sinistro levato all’indietro per mantenere l’equilibrio del corpo, lo spillone puntato innanzi come un fioretto.
    – En garde! – gridò. Il capitano le si gettò addosso e agguantatala per le spalle si dette a strapparle gli abiti di dosso. Ysobel era rimasta completamente immobile, ma una mano dardeggiava qua e là col suo spillone, punzecchiando, punzecchiando senza requie, come un piccolo serpe bianco. Macchioline di sangue apparvero sulle guance, sulla gola di Henry.
    – Ora gli occhi, capitano -, disse quietamente, e lo trafisse tre volte sullo zigomo. Henry abbandonò la stretta e fece un passo indietro, pulendosi la faccia insanguinata col dorso della mano. Ysobel lo guardò e rise. Un uomo può battere, può sottoporre a ogni violenza, una donna che pianga e tenti di fuggire, ma è impotente dinanzi a quella che non indietreggia e si limita a ridergli in faccia”.
    Da: John Steinbeck, La Santa Rossa – la vita di Sir Henry Morgan bucaniere con occasionale riferimento alla storia (1929).

  4. Lara Manni Says:

    Wu Ming 4, ti adoro.

  5. avalon9 Says:

    Ricompaio, dopo secoli.
    Ma sto leggendo; meglio: divorando. Questa serie di post è splendida. Affascinante. Divina.
    Lo ho stampati, con i commenti. Li sto raccogliendo; voglio rilegarlo. Voglio esser sicura che non li perderò per una qualche avaria del computer. Sono uno stimolo, una sferzata continua.
    E soprattutto c’è Axieros.
    Mi ci sto dedicando, sai? Te ne avevo già accennato, ma adesso il progetto sta prendendo forma. Ci vorrà ancora un po’ perchè prenda anche corpo, ma procede. Intanto sono ad una bella documentazione. E tu aiuti. Aiuti moltissimo.
    Questo post in particolare lo aspettavo con ansia. E ne sono rimasta deliziata!
    Axieros è davvero indicibile: non è classificabile, lo puoi fare solo in negativo. E qui sta il grande fascino di questo tuo personaggio. Anche Yobai e Hyotsuki non sono incasellabili, ma con Axieros raggiungi l’acme. E’ il vertice. La dea, l’inzio, il principio; gli altri sono i paredri. Ma lei tira le fila, lei comanda, lei seduce, provoca, affascina. E ride. E il suo aspetto sono le sue azioni.
    Ho pensato spesso che ne avessi dato un’immagine intellegibile per evitare clichè descrittivi; adesso ho capito che lo hai fatto proprio perchè Axieros è intellegibile: è le sue azioni, il suo comportamento, il suo carattere. Ed effettivamente una peculiarità degli dei di un po’ tutte le mitologie è proprio la loro molteplicità di aspetti e nomi. Axieros è il nome di un aspetto, ma ne possiede e ne manifesta assieme mille altri.
    E mi terrorizza in un modo piacevolmente sorprendente.
    E poi. Poi devo contraddirti, sai?
    Non è vero che il sorriso (il riso) di Axieros non ha nulla di filologico. Al contrario! Moltissime divinità e figure divine dell’antichità mediterranea sono connaturate al sorriso e alla risata. Divinità maschili, certo; ma anche e principalmente divinità femminili o ambigue. Un esempio? Andiamo sul classico: Afrodite dal bel sorriso o dal sorriso d’oro; nelle Talisie di Teocrito (sempre per restare nella banalità) Likyda (un’ipostasi di Apollo) sorride in modo luminoso.
    Topos letterario, dirai. Sì e no. Sì perchè, con il tempo, gli dei sorridono solo perchè lo hanno sempre fatto. No perchè ad ovo la motivazione c’è, ed è psicologica e ancora validissima. Il sorriso, soprattutto un sorriso o una risata “innaturale” continua, costante, fanne paura. Fanno davvero paura.
    Hai presente i clown? Mettici davanti un bambino: ne sarà terrorizzato. Perchè lo capisce che c’è qualcosa che non va, che ridere cos’, continuare a sorridere non va bene, non è normale, non è umano. Lo percepisce e lo rifiuta, lo sfugge.
    Gli dei dell’antichità sorridevano di quel sorriso fisso e ieratico, di quella mezzaluna impressa nelle statue che non capisci se è un ghigno di scerno, di sufficienza, di commiserazione o di pietà. Sorridono proprio perchè sono altro: dei.
    E Axieros è stupenda in questo. L’hai ricreata antica e moderna, l’hai deliziosamente “aggiornata” riprendendo un elemento antico perso e abusato e lasciando, forse inconsciamente, il valore primordiale autentico, riportandolo in auge, ponendolo all’attenzione di tutti. Axieros DEVE ridere.
    E se davvero il Big Bang è la risata di una donna, allora quella donna può essere solo Axieros^^

  6. Lara Manni Says:

    (commossa)

  7. zeros Says:

    Quoto tutti quelli che apprezzano l’ultima frase del post: bellissima! ^_^
    Su dei e risata, sono d’accordo con avalon9, e ti aggiungo un’immagine: l’Apollo di Veio. Come ride o ghigna lui, pochi altri. Bello, inquietante, storto (per motivazioni di prospettiva legate alla collocazione sul tempio) eppure per questo ancora più affascinante.
    Gli dei ridono di noi, e di sé stessi, di questo sono convinta da sempre! ^_^

  8. Lara Manni Says:

    E’ vero. Ti confesso, Zeros, che proprio l’Apollo di Veio mi ha fatto pensare ad Axieros, quando si è trattato di darle…forma? 🙂

  9. zeros Says:

    Buono a sapersi! ^_^ Perché appena hai parlato della dea che ride, ho pensato a lui. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: