Personaggi/Misia (e le altre)

Misia. Parlo di lei perché è l’antagonista naturale di Johann. E’ un’altra new entry, e non è sola. Con lei ci sono altre due donne, Lea e Vittoria. Di loro, dico soltanto che sono tre donne anziane, e che hanno una motivazione molto forte per opporsi a Johann e per aiutare Ivy.
Faccio un’altra confessione. Amo molto Misia. E’ una donna speciale, in tutti i sensi. Spero di essere riuscita a fare di lei un personaggio non a tutto tondo, con i dubbi, le paure, la tristezza insieme al coraggio.
Misia. Come Artemisia Gentileschi, che donna coraggiosa fu. E come Misia Sert, che fu amica di Mallarmé, Toulouse-Lautrec, Verlaine, Renoir, Diaghilev, Proust, Debussy, Picasso, Ravel, Jarry, Stravinskij, Satie. Che molto amò l’arte, e ne fu riamata.
E che amava la vita, come le mie tre vecchiette ben sanno: non sono, sappiatelo anche voi, tre vecchiette qualunque. Vedrete.

Advertisements

Tag:

8 Risposte to “Personaggi/Misia (e le altre)”

  1. il solito Filippo Says:

    C’è del sartoriale nell’aria! 😉

  2. Lara Manni Says:

    Sartoriale??

  3. il solito Filippo Says:

    Si, beh…tre vecchiette, una tesse, l’altra misura…scusa Lara, sono in piena fase di Lune-delirio e vedo miti ovunque!

  4. zeros Says:

    Anche io come Filippo alla menzione “tre donne anziane” ho pensato immediatamente alle Parche ^_^
    E non vedo l’ora di leggere il libro, uffi… Spero di resistere =_=

  5. avalon9 Says:

    Ah, Misia!
    Mi ha fatto arrovellare infinitamente, a suo tempo. Per la sua complessità, per i suoi sottintesi, per la sua determinazione travestita da dolcezza. Per tutto, insomma.
    Forse è il personaggio “secondario” (anche se non mi piace chiamarlo così) che, a mio parere, ti è riuscito meglio. Molto umana, molto quotidiana nei gesti, rassicurante; e al contempo oscura, imprevedibile, criptica.
    Un contraltare, ecco. Il contraltare femminile di Axieros. Non Ivy, proprio no. Misia.
    Misia: come una regione dell’Anatolia, ricca di magia, di misterico. Come la regione legata ad Afrodite (Aphrodisia è il nome di una città), come il popolo alleoato ai Teucri, al mito. Come il rovescio umano degli dei (sai che c’è un Monte Olimpo anche in Misia? E’ un po’ la depandance di quello Greco – basti pensare all’Ida troiano e cretese; nel mito c’è un fascino quasi perverso per le vette gemelle).
    All’inizio, a voler esser sinceri, non avevo pensato alle Parche o alle Norne. Forse ero un po’ “incanalata”, ma con l’affacciarsi di Misia, Lea e Vittoria ho pensato ad una triade divina femminile. Ecate, per intenderci, cotnia e liminare, maga, strega, vittima e carnefice. E in Ecate Selene (il volto celeste), Artemide (il volto terrestre) e Persefone (il volto sotterraneo). In fondo anche Axieros proviene da una triade di sessualità incerta. Perchè non reinventarla, mi ero detta?
    Vittoria, Misia e Lea. Tre donne, tre diversi caratteri: determinazione un po’ rude; dolcezza e fermezza; maternità. Tre aspetti di una sola faccia.
    Tre. Ma la donna è una. Sola. E allora ecco di nuovo la Dea. Primordiale e atavica: molteplice e dai mille volti e dai mille nomi.
    Tre. Come i volti della luna: calante, piena e levante. E la luna nera è il tutto. Perchè essere tutto è come essere nulla. Tre: come le Parche, le Moire, le Graie. Tre. come le Sirene che affascinano, le Arpie che lacerano e le Cariti che seducono. Non se cosa esattamente siano queste tre vecchiette, ma sono il riassunto più bello di mille figure della mitologia mediterranea (e non solo).
    Vittoria, Lea e Misia. Ci ho pensato tanto: la vittoria, la leonessa e …Misia. Il fascino ambiguo della donna? In fondo, Misia era anche uno dei nomi della regione in cui sorgeva Ilio. E dire Ilio e donna vuol dire Elena, con il suo fascino divino e la sua fragilità umana.

    La amo; e lei con te.
    [Sì; forse potevo riassumere in questo. A volte sono un po’ prolissa. Scusa!]

  6. Lara Manni Says:

    Avalon: prolissità? Avercene! 🙂
    Zeros e Filippo: c’è un sotterraneo riferimento….:)

  7. Paolo E Says:

    Sopdet è già stato prenotato con discreto anticipo 🙂

    Lo so che è OT. Ma è troppo grave. Lara, ti chiedo di consultare il blog di Loredana Lipperini. E’ inaudito. C’è bisogno di tutti.

  8. Lara Manni Says:

    Già rilanciato su Facebook, Paolo, ieri e oggi. Non è OT: se passa l’agghiacciante principio delle liste nere, non solo siamo a rischio noi scrittori, ma siamo a rischio tutti noi cittadini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: