Nel bosco di Aus

Oggi esce il nuovo romanzo di Chiara Palazzolo. Sulla pagina Piemme trovate scheda e booktrailer. Si chiama Nel bosco di Aus, lo pubblica Piemme e potrebbe cambiare le carte in tavola nel panorama fantastico italiano.
Retorica? Va bene, retorica. Ma credo in quello che sto scrivendo. Non è una storia d’amore. Non è una storia di avventura. E’ una storia apparentemente normale, normalissima. Una madre di famiglia, i suoi figli, le sue amiche. Amiche, questo è il punto: Nel bosco di Aus è un romanzo sull’amicizia femminile, e sui risvolti terribili della medesima. Ci sono uomini, amanti, mariti: ma sono le donne del bosco a dominare la scena.  Loro, e quello che si nasconde nel loro cuore e nel loro passato, anche quando non lo sanno. Loro e il potere della stregoneria. Loro e la possibilità di essere in questo e altri mondi.
Avviene in Italia. Avviene elaborando in modo personalissimo le voci magiche del nostro paese. Avviene in una piccola vita, così noiosa che chiunque le passerebbe accanto sbuffando. E avviene con una forza che toglie il fiato. Non vi dico altro, per ora, perchè voglio parlarne ancora quando lo avrete letto anche voi. Vi rimando, però, all’intervista che Chiara Palazzolo ha rilasciato a Elena Raugei di Mucchio Selvaggio. E voglio anche ringraziarla un milione di volte per questa risposta. Grazie, è un onore infinito.
E che Il bosco di Aus catturi quanti più lettori possibile. Buona strada!

“Il libro è in equilibrio fra realtà e mente, soluzione concreta e psicoanalitica, possessione e sdoppiamento.
L’ambiguità rimane intatta sino alla fine, anche se c’è una conclusione
chiara e tutti i nodi vengono al pettine. Ho seguito, non in modo pedissequo, la teoria sul fantastico di Todorov, in cui la soluzione fantastica non ne preclude una psicoanalitica. È un sottile gioco di equilibri, ma è come rivelare una sapienza interna. Fra le mie letture recenti e più interessanti c’è La ragazza del ritratto di Paul Torday, storia perfetta con doppia chiave di interpretazione.  Romanzi simili sono esempi di una maturità raggiunta nell’attuale fantastico e gotico. Il fantasy classico è riduttivo nel creare
mondi fantastici senza una connessione con il nostro: tutto ciò che da noi proviene, a noi ritorna. Vorrei poi citare Sopdet di Lara Manni: mi ha colpito l’innesto fantastico sulla storia italiana del Novecento, dai conflitti mondiali al ’77 del terrorismo. Tullio Avoledo si riallaccia ad argomenti inediti per la fantascienza, come la crisi di un uomo ne L’anno dei dodici inverni, oppure Antonio Moresco propone incursioni dalla guerra all’horror e all’amore ne
Gli Incendiati. C’è un nuovo modo di fare letteratura tout court, senza obsolete, limitanti distinzioni di genere.”

Annunci

Tag:

12 Risposte to “Nel bosco di Aus”

  1. chiara Says:

    Lara, grazie di queste parole vibranti e appassionate. Spero solo che il mio romanzo le meriti davvero. Quanto all’intervista, ho detto quello che pensavo. Credo nella forza dei libri che ho citato. Li sostengo perché sono proprio i libri che ci piacciono a sostenerci a loro volta. Grazie ai libri che amiamo costruiamo il nostro castello interiore, quella patria che ci accoglie in qualsiasi frangente e che chiamiamo “casa”.
    Grazie ancora, Lara, davvero.

  2. Lara Manni Says:

    Il tuo romanzo è la cosa più bella che ho letto ultimamente, Chiara. Perché è la “casa”. Per noi donne soprattutto (e per chi vuole capire come siamo). Perché non ha paura di guardare dentro di noi e trovarci tenebra e luce. E perchè mi ha commossa. E anche perché mi ha fatto venir voglia di imparare a giocare a burraco 🙂
    Che tutte le stelle brillino sul bosco di Aus!!!!!

  3. chiara Says:

    Per il burraco basta che mi fai un fischio… ci giocherei da mattina a sera!

  4. Lara Manni Says:

    Ho solo paura che sia difficile: io sono lentissima a capire le regole. Però so giocare a poker e scala Quaranta.

  5. chiara Says:

    Siamo a cavallo, allora 🙂

  6. Lara Manni Says:

    Se lo dici tu! 😀

  7. Ema Says:

    Allora è vero che ultimamente il Burraco è diventato il texas hold’em de noantri 🙂 Io lo odio, perché ci gioco spesso e vengo regolarmente battuto dalla mia dolce metà. Ma è tutta fortuna.

    OT a parte, mi premeva una cosa: io credo, come voi, che la letteratura senza vincoli di genere sia cosa buona e giusta. Che sia il migliore approccio possibile, per uno scrittore, quello di voler raccontare bene una storia, senza curarsi del perimetro “culturale” in cui potrebbe/dovrebbe ricadere.

    Però non vorrei nemmeno cadere nel baratro opposto: disprezzare un onesto romanzo “di genere” solo perché lo è manifestamente, e perché è stato scritto con quell’obiettivo (essere “di genere”). Non so se sono riuscito a spiegarmi…

  8. Lara Manni Says:

    Ema, disprezzare non è da me. Semmai, io sono nella categoria dei disprezzati 🙂

  9. Ema Says:

    mica stavo accusando te nello specifico, figuriamoci, ti apprezzo anche per questo. Solo, mi premeva il distinguo. Sono ancora convinto che un romanzo di genere fatto BENE sia cosa buona e giusta. Poi probabilmente mi arricchirà solo sotto il profilo puramente di evasione, ma non ci vedo nulla di male.
    Fermo restando che confermo e sottoscrivo quanto già detto sull’altro approccio.

  10. Lara Manni Says:

    Ema, infatti. L’unica cosa che c’è di male è teorizzare che solo il romanzo di pura evasione sia la via giusta. Fa il paio con chi sostiene che solo il romanzo mainstream abbia un senso.

  11. Vale Says:

    E non vedo l’ora di discuterne con te qui sul blog. L’ho terminato ieri, e devo metabolizzare e riprendermi un poo’ dalla botta ^_^

    Aah, che bello leggere queste cose ^_^

    (Fra qualche giorno sarà la volta di Sopdet 😉 )

  12. Lara Manni Says:

    Quando vuoi! Fantastico, vero? Penso che sia uno dei migliori libri di gotico che abbia mai letto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: