Corpo a corpo, persona a persona

E’ uscita una bella recensione di Sopdet su Terre di confine (per ora il link non si apre, ma sono fiduciosa).
Sono ugualmente fiduciosa, ma in perenne lite con la prima persona di Lavinia. Per chi, come me, è abituata a giocare con i punti di vista, la “gabbia” della prima sembra, a volte, soffocante. Eppure, se un romanzo nasce così, si vede che deve essere scritto così. Insisto.

Annunci

Tag: ,

11 Risposte to “Corpo a corpo, persona a persona”

  1. Paolo E. Says:

    Forza Lara! non mollare!!!

  2. Andrea Says:

    La butto li, ma perché non prova a cambiare prospettiva, considera il narratore in prima persona un po’ come un ruolo da interpretare a teatro. Applica lo Stanislavskij, diventa il narratore (o meglio, trovalo dentro di te), fai quello che fa lui, pensa quello che pensa lui, mangia, muoviti, gesticola come farebbe lui e prova a ridere come lui e anche a urlare. Se non funziona, comunque sarà divertente 😉

  3. Lara Manni Says:

    Il problema, Andrea, è che quando scrivi in prima persona, scavi fino in fondo a te stesso. 🙂

  4. Andrea Says:

    Forse mi sbaglio, ma temo sia questo il prezzo del gioco al massacro che è la scrittura per gli scrittori.

  5. Betty65 Says:

    Non sono una scrittrice, faccio tutt’altro. Ma certe volte scrivo delle storie- non so come meglio chiamarle- che si creano spontaneamente nella mia mente e che sono un insieme di ricordi e di esperienze rielaborati dalla fantasia. Credo che chi scrive ci metta sempre dentro un pò di s’è stesso. E questo rende unico il modo di scrivere di ciascuno. Andare in fondo a s’è stessi, conoscersi profondamente ci rende più forti e ci rende migliori in qualunque campo applichiamo le nostre capacità.
    Bon…scusate l’intromissione.

  6. Lara Manni Says:

    Questo sì, è verissimo. Il problema, quando usi la prima persona, è non esagerare: perchè infine è un romanzo, e deve rispondere a molte regole che non siano soltanto l’introspezione!

  7. N. Savino Says:

    Ciao, Lara, è la prima volta che scrivo qui. Seguo il tuo blog da un po’ (“Le prugne glorificano” sono del buon vecchio King, vero?) e sto leggendo in questo momento Esbat. Sono alle prime pagine ma la lettura mi ha preso molto.

    Per la prima persona posso solo dirti: Puoi Lara? Puoi?

  8. Lara Manni Says:

    Ci provo 🙂 Grazie infinite Nicola. Sì, King. On writing!

  9. scrivomania Says:

    Immagino che di regole per scrivere un romanzo ce ne siano davvero infinite e che talvolta alcune prevalgano sulle altre.
    Circa l’eccessiva introspezione credo tu abbia ragione…ma quando è troppa o troppo poca ? Immagino dipenda dal tipo di romanzo che uno vuole scrivere. O sbaglio ?
    Comunque lascio a voi scrittori professionisti la risoluzione del dilemma !

    Ciao !

  10. Lara Manni Says:

    Non è questione di troppa o poca: è che cerco una misura per farne un romanzo, appunto, e non un diario 🙂

  11. Betty65 Says:

    Sono certa che ce la farai. Buon lavoro e…buona notte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: