Storie di fantasmi

Da ieri è di nuovo on line un bel blog sui fantasmi, che si chiama Spiritodelsilenzio. E’ stata anche l’occasione per chiedermi quale sia la storia di spettri che ho amato di più. Una classifica è difficilissima. Però, se devo basarmi sulle emozioni che mi ha suscitato, voto per Willa, in Al Crepuscolo di Stephen King. Struggente, piena di malinconia. E anche d’amore.
Voi?

Annunci

Tag: ,

14 Risposte to “Storie di fantasmi”

  1. Chiara87 Says:

    Credo che la storia che mi sia rimasta più impressa sia quella di un romanzo per ragazzi della Salani, “Un anno col fantasma”, che avevo letto da piccola: una ragazzina sola evoca il fantasma del cugino con cui giocare, ma diventa un legame che la consuma lentamente e rischierà di ucciderla, proprio come nella ballata dl cavaliere d’oltremare che accompagna tutta la storia.

  2. demonio pellegrino Says:

    Per me per una volta non e’ un libro, ma un film. E credo che sia l’unico caso: Il sesto senso con Bruce Willis.

  3. Lara Manni Says:

    Un anno col fantasma mi manca. Il sesto senso è stato un film splendido. E aggiungo che in Al crepuscolo c’è un altro racconto di fantasmi pieno di angoscia e rimpianto. E’ quello sull’11 settembre…

  4. ziadada Says:

    A proposito di rimpianto: il gatto fantasma di “Allegro non troppo”…

  5. Melmoth Says:

    Cito Chiara87; le più belle storie di fantasmi che conosco sono di origine gallese, e sono legate al mondo di quelli che loro chiamano ‘fairies’. Di fatto nella favola tradizionale non c’è molto distanza tra il mondo dei morti e le fate (come già intuito da Katherine Briggs negli anni trenta).

    Eppure un’altra metafora meravigliosa sul rapporto tra vivi è morti si trova -secondo me- all’inizio di Ubik di P.K.Dick: in quel mondo si può parlare con i cari estinti, ma ogni volta che i vivi ci parlano, li consumano, poco alla volta. Così è secondo me anche nella vita: ricordare l’assenza ci infetta di assenza. Un po il contrario di quanto avveniva in “Un anno col fantasma”, ma altrettanto significativo, mi sembra.

  6. Paolo E. Says:

    Dunque, non ho letto molto sui fantasmi, ma non posso non citare

    1) Il fantasma di canterville di oskar Wilde spassosissimo.

    2) Il porto degli spiriti di Lindquist molto recente.

    3) Uscendo dal romanzo, The rhyme of the ancient mariner di Coleridge.

  7. chiara Says:

    Non ho dubbi: Giro di vite di Henry James.

  8. Lara Manni Says:

    Giro di vite è IL romanzo. Certo che Il porto degli spiriti è uno dei libri recenti più belli che abbia letto.

  9. Paolo E. Says:

    Oskar con la kappa sigh che figura 😦 😦

  10. Laurie Says:

    Che bella idea, mi ricordo delle storie di fantasmi che si raccontavano sul forum!
    Oggi parlavo proprio di fantasmi col consorte, e mi ha raccontato la storia di questo fantasma che scorazzava per un castello, non ricorda più dove. Moltissimi vedevano il mezzobusto di un uomo, come se camminasse immerso per metà nell’acqua. In realtà il pavimento della stanza era stato rifatto negli anni ad un livello più alto del precedente, per questo il fantasma camminava sul vecchio pavimento. La cosa curiosa è che i visitatori non sapevano di questo restauro.

  11. Vincent Says:

    Grazie per il post Lara!

  12. Lara Manni Says:

    Di nulla! Anche io attendo aggiornamenti. 🙂 Lau, insieme logica e inquietante XD

  13. Ale Says:

    Butto lì 3 film: The Ghost and Mrs. Muir (Mankiewitz), Operazione paura (M. Bava), Rouge (Stanley Kwan).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: