Shopping satanici

Il mio spacciatore estivo di libri usati mi riserva sempre gradevoli sorprese. Questa volta, però, niente Barker e Ellison d’annata, ma due saggi, uno degli anni Sessanta (“Italia a mezzanotte” di Giorgio Batini) e uno piuttosto recente, del 2006, che mi ha quasi regalato dicendo che, con tutto quello che leggevo abitualmente, non potevo farne a meno.
In effetti, il libro merita. Mentre “Italia a mezzanotte” è un lungo reportage molto gigione sui fantasmi italiani (gigione perchè i commenti del giornalista sul 1968 in arrivo, i capelloni e i Beatles sopravanzano le storie delle Dame Bianche e Rosse d’Italia: peraltro, da quanto si capisce erano povere signore un po’ libertine e per questo accusate di aprire botole sotto i piedi degli amanti per farli trafiggere da lame acuminate, in modo da assicurarsene il silenzio eterno), il secondo saggio provoca crisi di ilarità così forti da far accorrere i vicini. Si chiama “Sette sataniche” e lo hanno scritto tre criminologi-psichiatri-psicoterapeuti-demonologi-teologi, Mastronardi, De Luca e Fiori. Vi risparmio i dettagli, ma fra le altre cose ho scoperto che:

– L’editore Sergio Fanucci, secondo i tre  zuzzurelloni, è un adoratore di Cthulhu. Riporto testualmente. “La setta Amici di Cthulhu è nata a Roma nella seconda metà degli anni Novanta. Essa avrebbe fatto riferimento, secondo quanto riportano i massmedia (?), anche alla casa editrice Fanucci”.  Ora, che io sappia Fanucci pubblica Philip Dick, ha pubblicato Ellison e pubblica anche fantastico. Immaginare una casa editrice come tempio per gli Antichi, con tutta la buona volontà, è dura.
– Nell’elenco delle sette ne esiste una che si chiama Orgasmo Nero e che, giuro, non è una collana paranormal romance, ma un gruppo che si aggirerebbe per la via Tiburtina facendo uso di sangue umano.
– In caso di possibile crimine satanista, i tre stilano un elenco di oggetti da sequestrare nella casa del sospettato. Per esempio, tra virgolette: “Giochi di fantasy, libri sull’occulto, sfere di cristallo, campane, coltelli, cuscini di velluto scarlatto, specchi, guanti di velluto nero, anelli con pietra rossa, incensi, bare, libri rituali, armamentario per giochi di fantasia, cristalli, figurine di natura mitologica di cristallo o peltro, poster di esseri mitologici e di animali”.
Ora, a parte le bare, ho tutto. Sono finita.
Passata la ridarella, però, ci sarebbe molto da dire su un libro simile: mi limito a sottolinare che a pubblicarlo è Newton Compton, dove, a parte le lunghe serie sui vampiri, sono uscite anche le opere complete di Lovecraft. Un bel guaio.

Annunci

Tag: , , ,

19 Risposte to “Shopping satanici”

  1. Giobix Says:

    Italia a mezzanotte lo voglio 🙂 e pure il peluche di chtulu così divento adepto anch’io.
    se vuoi ridere ti consiglio di recuperare anche “adoratori del diavolo e rock satanico” dell’esorcista corrado Balducci (andava spesso al costanzo show). dentro c’è di tutto: Il death metal e il pop messi sullo stesso piano, messaggi subliminali e riti satanici per maledire i dischi, che possono realmente portare a una possessione demoniaca. E poi leggende metropolitane idiote prese come fatti accertati: Bon scott degli ac /dc che muore impalato sulla sua chitarra (la sua?), Aleister Crowley che defeca sul pavimento e altre curiosità piacevoli 😀
    edito da Piemme…come la Palazzolo

  2. Lara Manni Says:

    Ah, ma anche qui c’è il death metal e Aleister Crowley mangiabambini e …udite udite, un lungo capitolo finale su Satana e il Mostro di Firenze 😀
    Comunque chiederò al bibliopusher. E pensare che vado da lui ogni estate nella vana speranza di trovare l’unico e solo romanzo di King che mi manca: “Unico indizio la luna piena”…

  3. Giobix Says:

    mi ricordo vagamente di averlo preso in biblioteca da piccolo…aveva un formato strano, molto breve e pieno di illustrazioni, una specie di king junior. Effettivamente non l’ho mai più rivisto in giro.

  4. Lara Manni Says:

    Fido nel bibliopusher. 🙂

  5. Fabrizio Valenza Says:

    Eh, io mi sono rassegnato alla prima edizione americana, Lara. In italiano è praticamente impossibile trovarlo, l’Indizio.

  6. stefano Says:

    io lo avevo(il libro di king).forse è sepolto in cantina insieme a tanti altri del mio periodo “horror”.se lo trovo te lo faccio sapere,te lo donerei volentieri.sul satanismo ne ho uno di massimo introvigne,e un tomo enorme che non ho sotto mano ma che era molto dettagliato (ma anche là mi sa che fanno tutto un pastone ,da Le Vey al satanismo cosidetto “acido”alla Family di Manson e altre menate spesso difficilmente verificabili)

  7. Fabrizio Valenza Says:

    Scusate la domanda, ma è solo per capire. Fanno un pastone o, soltanto, riuniscono in un unico volume diverse tipologie di voci circa il satanismo o la presenza del demonio?

  8. emanuela Says:

    Se interessa, ci sono tre copie commerciabili su Anobii del libro di King. Buona fortuna.

  9. Axel Shut Says:

    purtroppo il vero problema non è chi scrive un libro simile sul “satanismo” ma quelli che lo leggono e gli credono (e il loro nome non sarà Legione ma quasi)

  10. stefano Says:

    @axel shut:intendi chi crede al satanismo o chi crede a quello che è scritto nei libri che lo trattano?perchè da come la capisco io,il problema è di entrambi.

  11. stefano Says:

    @Fabrizio Valenza:nei due libri che ho letto(ma sono passati molti anni)dividevano le diverse tipologie.per “pastone”intendevo dire che a me spesso davano l’impressione di mischiare cose di una certa attendibilità con altre un pò più sul sensazionalistico.Ma,ripeto,era una mia impressione e li leggevo per curiosità(sarebbe lunga da spiegare),non ero credente o particolarmente interessato.

  12. Fabrizio Valenza Says:

    Ah, dunque senza un ben definito criterio di approccio?

  13. Giobix Says:

    il libro di Balducci che ho citato ha avuto un grande successo di vendita, ancora adesso trovo tracce e citazioni, ultimamente nei commenti sulla morte di amy winehouse.
    é scritto con estrema ignoranza e sprezzo del ridicolo, ma molte persone, anche educatori cattolici, lo hanno preso sul serio.
    Il rock è del diavolo, costruito ritmicamente per provocare istinti sessuali, violenza, e gravi danni alla corteccia cerebrale. I Pink floyd e gli Impaled Nazarene sono la stessa cosa, perchè fanno “rock” e probabilmente pure little tony.
    Viene citato uno studio sui danni dall’ascolto di musica techno a volumi folli e per tempi inumani, ma il tutto viene fatto passare per danni del rock, facendoti intuire che l’ascolto di Yesterday dei Beatles potrebbe fare la stessa cosa.
    Anche la parte generale sui culti satanici è demenziale, un capitolo è dedicato a Hitler precursore della new age.
    Il fatto che questo libro circoli ancora, specie in librerie religiose, lo trovo preoccupante.

  14. Fabrizio Valenza Says:

    Apperò!
    Che simili libri circolino in librerie religiose, a dire il vero, non lo trovo più preoccupante del fatto che circolino “tout court”. Le Paoline, per esempio, vendono di tutto, anche cose che con il cristianesimo non hanno praticamente nulla a che spartire.

  15. Lara Manni Says:

    Il libro sulle sette è un pastone che mischia in modo approssimativo e superficiale vari eventi di cronaca: pensavo si intuisse già dall’elenco degli oggetti sospetti 🙂 E anche qui ovviamente c’è il rock assai diabolico e tutte quelle belle cosine che ci si può aspettare.

  16. Axel Shut Says:

    @Stefano: intendevo quelli che leggono libri come quelli di Mastronardi, De Luca e Fiori e credono in quello che lì viene scritto

  17. Ilya Nightroad Says:

    Mi chiedo quale sia lo scopo di libri come questi…Pensano ancora di spaventare la gente con queste storie, inducendole ad “abbandonare la via del peccato”?
    E per quanto ne so, di incenso nelle chiese ce n’è parecchio (così come campane, libri rituali e anelli…)

  18. Lara Manni Says:

    Credo che cerchino di vendere, facendo leva sulla golosità del pubblico verso la cronaca nera in salsa misterica, un misto fra Vespa e Giacobbo…

  19. Ilya Nightroad Says:

    Cercano di vendere?! Ecco perché si trovano nelle librerie “religiose”!!! X””D ad essere goloso più del pubblico è chi pubblica…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: