Questioni di granturco

Alla fine di una lunga giornata di mare e letture, una segnalazione: la bellissima recensione di Laura Costantini su Sopdet, che trovate qui:

http://lauraetlory.blogspot.com/2011/08/sopdet-di-lara-manni.html

Poi, una domanda. Cosa c’è di così malvagio nel granturco e nei furgoni rossi? Un parallelo fra i canoni kinghiani e L’estate della paura di Dan Simmons si impone.  Con qualche divagazione sui concetti di “horror” e “magia”, anche alla luce della discussione su Odifreddi.
Domani, però.

Advertisements

Tag: , , ,

7 Risposte to “Questioni di granturco”

  1. Filippo Tapparelli Says:

    Il rosso è associato spesso al fallimento, all’errore, all’evitamento
    Il granturco cresce in fretta e forma una specie di barriera semipermeabile: lascia intuire ma non vedere.
    I furgoni sono ambienti chiusi, quindi inconoscibili.
    Mischia, sbatti in un estate torrida ed aggiungi un’olivetta

  2. Il solito Filippo Says:

    Da bravo bipolare posto due volte: penso che più che al malvagio, l’associazione “granturco furgone rosso” rimandi alla divinità. All’inconscia paura del diverso.

  3. Shingo Tamai Viola Says:

    Forse canno colossalmente, ma credo che il furgone rosso sia anche uno status symbol, per quanto forse ormai passato, che è divertente far ritorcere contro chi lo ha desiderato e visto come tale.Il pick up rosso, il macchinone rosso, come oggetto tamarro e appariscente che il ragazzino redneck vuole portarsi al prom, un po’ l’equivalente maschile del vestito provocante o del naso rifatto.
    Anche in American Gods di Gaiman ad un certo punto c’è una presa in giro del clichée del macchinozzo rosso appartenuto al ragazzone americano ora cresciuto.
    Così, due cent mattutini. probabilmente una uaccata.

  4. Ilya Nightroad Says:

    Il granturco non è associato ai cerchi nel grano? X””’D

  5. Vale Says:

    Beh, il granturco una volta cresciuto mette soggezione. Quest’estate in Austria siamo passati accanto campi di mais alto anche tre metri (ne ho una foto, e mentre Ale la scattava pensavo – guardacaso – a te… ti sarebbero piaciuti!).

    Ah, nella stringa del link manca una “l” alla fine. 🙂

  6. Giobix Says:

    il granoturco può essere legato ai culti agrari, nei campi si consumava l’eterna lotta tra il bene e il male, tra stregoni e benandanti, in palio c’era la riuscita del raccolto e la sopravvivenza di intere comunità. E come già detto sono i campi più sinistri, al loro interno può esserci di tutto (dai demoni alle piantagioni di canapa indiana).
    ill furgone l’ho sentito ricorrere più volte, anche nel caso della scomparsa di Yara Gambirasio, decine di segnalazioni riguardo un fantomatico furgone bianco che girava per le campagne a molestare le ragazzine.
    Anche qui abbiamo la riproposizione di antiche leggende, nel film Custodes Bestiae c’è la leggenda di un carro che attraversa le campagne del friuli trasportando una bestia diabolica, a cui sono offerte per l’accoppiamento le vergini dei villaggi.

  7. Lara Manni Says:

    Una volta, in un’intervista, King ha detto che il giallo è il male. E il granturco è giallo. Credo che siano un po’ tutte le cose che avete detto a contribuire al concetto.
    Sul furgone, non avevo mai pensato a quello che dice Shingo Tamai Viola, al macchinone rosso come oggetto appariscente…in Simmons il furgone è spaventevole, perchè è quello che raccoglie le carcasse degli animali investiti, per esempio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: