Canoni insidianti

Ho visto Insidious. Ho già detto su Facebook che ero prevenuta in positivo dopo la recensione di Paolo D’Agostini. Ovvero:

“Il cinema di paura ha le sue leggi e i suoi rituali. Si dirà che questo vale per qualsiasi “genere” codificato. Vale un po’ di più per questo. Ripetitività, prevedibilità e riconoscibilità di situazioni, snodi, personaggi sono requisiti particolarmente cari allo spettatore appassionato. E proprio per questo, forse, Insidious di James Wan potrebbe risultare non soddisfacente ai fan del genere e contemporaneamente più accettabile a chi fan non è. Non mancano elementi chiave e ingredienti base: a partire dalla maledizione che incombe su una casa. Però se ne accompagnano a loro altri anomali rispetto alla norma, al canone di genere. In particolare un fattore umano che di solito manca. Sia una forte componente di commozione, sia una pista quasi umoristica. Un valore aggiunto per lo spettatore comune, probabilmente una distrazione dallo zoccolo duro agli occhi del pubblico più specializzato ed esigente”.

Se prendiamo le parole del critico cinematografico e le riportiamo alla narrativa, non fanno una piega. E’ vero, la ripetitività del canone è quello che ci si aspetta dal romanzo di genere. Per fortuna, non sempre.  Colgo l’occasione per postare una piccola anteprima di Wu Ming 1 sul nuovo romanzo di Stephen King. Soprattutto, è importante il passo dove il traduttore dice che 22/11/63  “stimola continuamente riflessioni sul tempo, sul corso della storia, su linearità e cicli, sul ricominciare da capo, sul nostro agire ed essere agiti, sul nostro essere soggetti costituiti che si pensano costituenti… e viceversa, in una scorribanda schizofrenogena, tra teoria delle stringhe e allegorie profonde.”
Non so quanto questo libro rispetti il canone: di fatto, King non l’ha mai rispettato fino in fondo, per nostra fortuna.

Ps. Insidious è un buon film, con un finale, a mio avviso, troppo frettoloso. E non così distante dal canone come si vorrebbe: anzi, è fin troppo dentro il canone stesso.

Annunci

Tag: , ,

4 Risposte to “Canoni insidianti”

  1. Giobix Says:

    Insidious l’ho visto in inglese tempo fa, e già non me lo ricordavo (vedo moltissimi film horror ma ne ricordo pochissimi, sarà un caso?).
    C’erano due nerd con strani marchingegni, e dimensioni parallele tipo casa degli orrori al luna park. Deve essermi piaciuto mentre lo guardavo, ma poi mi ha lasciato poco.
    L’ultimo che ho visto è Paranormal activity 3, e l’ho trovato più divertente del primo. Nessuna pretesa di “realismo” (che mi rendeva noioso il capostipite) e tutti gli elementi tipici del genere sparsi in abbondanza, con parecchi effetti tipo: buh! piazzati al punto giusto.

  2. Lara Manni Says:

    I due nerd sono la parte più debole, secondo me: la parodia della parodia della parodia. La prima parte, tutta sussurri e ombre, è bella. Il finale, come detto, debole: mia nonna usava l’espressione “a coda di topo”. 🙂

  3. G.V. Falconieri Says:

    Sottoscrivo il tuo commento e aggiungo che ho trovato Insidious scorretto. Non rispetta il patto narrativo che stipula con lo spettatore nella prima parte. Infatti si stratta di due film diversi, uno sulla casa stregata, l’altro, dall’apparizione dei due nerd-aiutanti in poi, una roba new age mal riuscita. Si vede lontano un miglio che c’era l’ambizione di innovare ma non i mezzi per farlo.

  4. Lara Manni Says:

    Sai, GV, non ho proprio capito perchè ci abbiano voluto infilare i due tizi! Sul momento ho pensato, “ok, citazione vintage da Ghostbusters”. Ma non aveva molto senso. Peccato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: