Archive for 20 gennaio 2012

La narrativa strana e il megablitz Fbi

gennaio 20, 2012

La chiusura di Megavideo e Megaupload ha occupato gran parte delle discussioni su Facebook, ieri sera. Giustamente.  Mossa pessima e miope, per un’infinità di ragioni (una: io continuo a pensare che quando film e libri sono davvero buoni, si preferisce pagare il biglietto o il prezzo di copertina. Su Megavideo guardo solo i film che non andrei mai a vedere in sala). Suppongo che non sarà l’ultimo episodio: ma che Internet stia mutando (e non in meglio) è una sensazione che ho da tempo.
Seconda segnalazione: esce per Isbn il nuovo libro di Douglas Coupland, “Le ultime cinque ore”. Viene lanciato come romanzo distopico, anche se ingabbiare Coupland in un genere è, secondo me, impossibile.  Comunque c’è anche una sua intervista (su Repubblica, non on line) dove si delinea una definizione molto personale di fantascienza:

Le ultime cinque ore sembra un libro di profezie.
«Io lo vedo più come un racconto di eventi del presente, come amplificati. Credo che la fantascienza sia più o meno tutta così. Sono appena stato a un simposio letterario in Florida (KWLS. org) dove il tema di quest´anno era Il Futuro. Ho passato tre giorni con William Gibson e Michael Cunningham, Margaret Atwood e Jonathan Lethem, e la cosa su cui eravamo tutti d´accordo era che la fantascienza ormai è quasi sempre il presente lievemente modificato. Se la narrativa diventa più strana è perché il presente è sempre più strano. La paura del futuro è sempre direttamente proporzionale al tasso di cambiamento delle tecnologie di comunicazione di un paese».

La definizione di narrativa “strana” non è male, comunque.

Ps. Per gli interessati: tenete d’occhio il colonnino di destra su Tanit. C’è l’indirizzo di una pagina Facebook e nuovi meme, e fra non molto aggiungerò altro. Parecchio altro.